Sacro è Profano: personale di Lorenzo Vale a Oderzo

25 Agosto 2019

Il lungo viaggio, 2019 – olio su tela

ODERZO. L’artista udinese Lorenzo Vale sarà il protagonista della mostra ”Sacro è Profano” che sarà allestita dal 1° settembre al 13 ottobre a Oderzo nello spazio espositivo dell’associazione Ca’ Lozzio Incontri, in Via Maggiore, 23 Piavon di Oderzo (Tel. 0422.752.111 – Fax 0422.752.513 – artisti@calozzio.com – www.calozzio.com), con la presentazione di Alessandra Santin. E’ uno spazio creato da Beppo Tonon in cui hanno esposto importanti artisti del Triveneto. L’inaugurazione è prevista per le 11 del 1° settembre, mentre l’esposizione è visitabile da Mercoledì a Domenica, ore 15-24.

Lorenzo Vale è nato nel 1973 a Udine, dove vive e lavora. Passa la sua prima giovinezza a Gemona, quindi si trasferisce a Udine per seguire i corsi di Storia dell’Arte dell’Università dei Beni Culturali. Dopo aver ammirato le opere dei Grandi Maestri custodite nei musei cittadini decide di partire per Venezia dove si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti con Angela Vettese. Ha come maestri i pittori Finzi e Guarneri, ma è attratto anche dalle lezioni di Toni Toniato, e per questo si specializza nell’insegnamento della Storia dell’Arte.

Dal 1997 espone le sue opere di pittura e incisione in prestigiosi spazi pubblici e privati soprattutto in Italia, presentato da importanti personalità del mondo dell’arte. Interessato al segno e all’alchimia della tecnica incisoria realizza una serie di acqueforti presso la Stamperia d’Arte Albicocco di Udine, che espone nella Casa Natale di Raffaello a Urbino e a Villa Manin di Passariano. Tra i riconoscimenti ricevuti recentemente si segnalano il premio della giuria al V e al VI Concorso di Pittura Dario Mulitsch al Castello di Gorizia, e un premio acquisto della Fondazione Bevilacqua la Masa di Venezia. Espone in Personali e collettive dal 1997 a Venezia, Pordenone, Trieste, Udine, Gorizia, Villa Manin di Passariano, Codroipo e Bologna.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!