Ristampato il libro dedicato a Lino Zanussi: presentazione

15 Maggio 2016

PORDENONE. Il centenario Zanussi/Electrolux è un anniversario significativo, non solo perché racconta un’azienda che ha segnato profondamente lo sviluppo economico, sociale, urbanistico e culturale del nostro territorio, ma che ha molto a che vedere con l’ingegno, l’intuito, l’innovazione, elementi essenziali per lo sviluppo. Per questo motivo accanto alle altre iniziative in calendario, il Comune di Pordenone ha voluto promuovere la ristampa della biografia di Lino Zanussi, figura centrale di questi cento anni di industria a Pordenone.

Copertina Lino Zanussi_correttaIl volume – che verrà presentato lunedì 16 maggio alle 18 in Biblioteca Civica in collaborazione con il Circolo della Cultura e delle Arti alla presenza degli autori è la ristampa del lavoro di Nino Nanni e Piero Martinuzzi, edito nel 1993 da Studio Tesi nella Collana “Civiltà della Memoria”. Cambiano formato e parte iconografica, ma rimane intatto il testo (arricchito da una postfazione), che presenta la biografia di Lino Zanussi, tenendo ben unite le figure dell’uomo e dell’imprenditore. Egli rappresentò il “nuovo” dell’imprenditoria italiana degli anni Cinquanta e Sessanta, ma rappresentò anche – assieme ad altri illuminati imprenditori locali – il motore della crescita civile, sociale e culturale di Pordenone. Dotato di grande intuito e notevoli capacità, in meno di venti anni riuscì a salire ai vertici europei dei produttori di elettrodomestici dando un impulso decisivo allo sviluppo di un territorio che già possedeva una chiara vocazione industriale e contribuendo in modo significativo alla soluzione di problemi sociali e occupazionali e stimolando, non solo economicamente, la crescita della sua città.

Lino Zanussi ha dedicato la sua vita al lavoro, iniziato a soli tredici anni nell’azienda che produceva cucine a legna fondata dal padre, passando dall’officina al posto di comando senza mai dimenticare la propria origine e senza mai smettere – come era solito dire – la “tuta dell’operaio”. Nel volume dunque alla descrizione dell’uomo, caratterizzato dal pragmatismo e dalla concretezza, si affianca quella, strettamente connessa, che riguarda l’azienda, mentre sullo sfondo si delinea il parallelo crescere di Pordenone, della sua provincia e dell’intero Friuli Venezia Giulia. L’eredità di Zanussi è ancora viva e percepibile: da una parte un patrimonio di conoscenze, tecnologiche e gestionali, determinante per lo sviluppo del tessuto produttivo, industriale e terziario che ancora oggi contraddistingue il Friuli Occidentale e il Veneto Orientale, dall’altra le centinaia di associazioni che formano il ricchissimo tessuto sociale, sportivo e culturale del Pordenonese, che hanno iniziato a diffondersi e moltiplicarsi proprio dagli anni Sessanta del secolo scorso.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!