Renoir in profondità

21 marzo 2016

PORDENONE. Il ciclo della Grande Arte porta martedì 22 marzo alle 21 a Cinemazero “Renoir. Oltraggio e seduzione” di Phil Grabsky, film su uno dei più amati e controversi impressionisti. Con l’incanto di curve femminili sinuose e paesaggi raggianti, il candore di fanciulle innocenti e l’esplosione di vitalità delle decorazioni floreali, le pennellate ardite e innovative di Pierre-Auguste Renoir si potranno gustare in modo privilegiato e inedito, ripercorrendo le opere custodite dalla Barnes Foundation di Philadelphia, dove il dottor Albert C. Barnes (1872-1951) mosso da una profonda ammirazione ha raccolto la più grande collezione al mondo di Renoir.

renoir_01Un artista costantemente animato da una ricerca di rinnovamento destinata a sconvolgere le regole della rappresentazione e dell’arte classica, con una reinvenzione innescata dal viaggio in Italia nel 1881, il fascino irresistibile delle opere di Raffaello e una passione a prova di vecchiaia e artrite che lo spingerà a dipingere anche quando sarà costretto a legarsi il pennello ai polsi. Ad animare il documentario di Phil Grabsky è il Renoir che ha diviso l’opinione pubblica per oltre 100 anni e influenzato grandi artisti del 20° secolo come Picasso e Matisse. Un’occasione per conoscere l’artista e la complessa evoluzione del suo percorso artistico, con la complicità delle opere e i contributi dei principali critici d’arte del New York Times e del Washington Post, di studiosi di fama internazionale e artisti come Matisse, convinto estimatore dei suoi voluttuosi ritratti femminili definiti “i nudi più belli mai dipinti”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!