Presentato il “ritiro artistico”

13 Marzo 2014

UDINE. Dieci giovani artisti a confronto su temi contemporanei, impegnati a trasmettere la loro visione del mondo attraverso il linguaggio della pittura. E’ questo il suggestivo rituale di “Painting Practices”, la prima residenza italiana per la pratica pittorica che aprirà i battenti il 16 marzo nell’antica Villa Gorgo, a Nogaredo al Torre. Un mese di “ritiro artistico”, durante il quale le idee dei giovani pittori confluiranno in un percorso creativo che si concluderà con la realizzazione di una serie di opere che saranno poi esposte al pubblico.

FotoConferenzaStampaIl progetto, presentato in una conferenza stampa a Udine nasce dall’idea del direttore artistico Andrea Bruciati con il coinvolgimento dell’associazione culturale “Guado dell’Arciduca” e di un gruppo di imprenditori interessati a valorizzare le risorse storiche e culturali della regione attraverso il recupero di un’antica dimora e l’offerta di un’alternativa residenziale e formativa ai giovani artisti. L’iniziativa conta sull’importante sostegno della concessionaria Autostar di Udine che l’ha inserita nel format “Spaziocultura”, speciale contenitore di eventi e incontri culturali promossi sul territorio.

I dieci ragazzi selezionati per Painting Practices provengono da diversi centri formativi d’Italia. Il progetto si articola in due momenti, uno laboratoriale e l’altro espositivo. Durante il mese di residenza i partecipanti vivranno nel contesto storico e architettonico della villa e incontreranno diversi professionisti dell’arte. Saranno organizzati 4 appuntamenti domenicali (le matinée in Villa) con esperti, curatori e critici, accessibili anche al pubblico esterno interessato a visitare i laboratori. Al termine di questa fase le porte della residenza resteranno aperte per circa un mese, dal 16 aprile al 18 maggio, durante le quali sarà possibile visitare la mostra con tutte le opere realizzate dagli autori. Dai primi di maggio, infine, una selezione dei lavori sarà trasferita a Udine per l’allestimento di una mostra in collaborazione con i Civici Musei.

“Abbiamo scelto di ospitare la tappa conclusiva di questa residenza formativa – spiega l’assessore alla cultura del Comune di Udine, Federico Pirone – perché i Civici Musei di Udine hanno il dovere di sostenere la qualità e la crescita di quelle esperienze artistiche che, nascendo nel territorio, hanno l’ambizione di parlare il linguaggio dell’Europa e della creatività”.

Villa Gorgo - Nogaredo al Torre

E proprio alle direttive europee in tema di cultura si rifà Painting Practices. “Ci siamo ispirati ai progetti comunitari che sostengono i settori culturali e creativi – spiegano i responsabili del Guado dell’Arciduca – con l’intento di offrire un’occasione di crescita e promozione agli artisti emergenti e stimolare lo sviluppo del turismo basato sulla riscoperta delle qualità storiche e culturali di questa regione”. Intento che si sposa con quello di “sensibilizzare la comunità sull’importanza dell’arte e del sostegno ai giovani talenti – sottolinea Giovanni Cadamuro di Autostar – attraverso il mecenatismo di imprenditori volenterosi e interessati a promuovere la crescita non solo economica di questo territorio”.

L’iniziativa è resa possibile anche grazie agli sponsor tecnici Pratic spa, Potocco spa, NT Nuove Tecnologie srl, e grazie al patrocinio di: Provincia di Udine, Comune di Udine, Comune di San Vito al Torre. Maggiori info su: paintingpractices.spaziocultura.org

L’Associazione culturale Guado dell’Arciduca, nata dal recupero dell’antica dimora veneta sita a Nogaredo al Torre, a 20 km da Udine, è impegnata nella promozione di attività artistiche che valorizzano il territorio e stimolano il contatto con artisti e creativi di livello internazionale. La sede è caratterizzata da una serie di aree espositive che si articolano all’interno di un borgo settecentesco frutto di una lunga e attenta ristrutturazione conservativa.

Con 8 sedi tra Fvg e Veneto e 5 marchi di riferimento (Mercedes, Bmw, Smart, Mini e Jeep) il gruppo Autostar è il più grosso rivenditore friulano del segmento “premium”. Da sempre promotore di una filosofia d’impresa basata su etica e innovazione, nel 2012 ha inaugurato “Spaziocultura”, contenitore di eventi, incontri e mostre rivolte alla comunità. Attraverso questa iniziativa ha organizzato e sostenuto diversi progetti culturali che hanno riguardato anche la riqualificazione di spazi urbani quali ad esempio l’ex Palazzo Upim a Udine, la storica sede dell’Aci e il Museo di Casa Cavazzini.

GLI ARTISTI AMMESSI

Adriano Valeri (Milano, 1987) studi a Venezia, dove vive

Anna Gramaccia (Perugia, 1980) studi a Firenze, vive a Berlino

Barbara Prenka (Gjakova – Kosovo 1990) studi a Venezia, dove vive

Giulia Martina Serafini (Milano, 1990) studi a Milano, vive tra Milano e Galeata (FC)

Lorenzo di Lucido (Pescara, 1983) studi a Urbino, vive a Pescara

Lorenzo Morri (Jesi, 1989) studi a Milano, dove vive

Luca De Angelis (San Benedetto del Tronto – Ascoli Piceno 1980) studi a Urbino, vive e lavora a Milano

Nicolò Bruno (Milano, 1989) studi a Milano, vive a Basilea

Sara Faccin (Vicenza, 1987) studi a Venezia, vive a Vicenza

Simone Zaccagnini (Tocco de Casauria, Pescara 1982) studi a Firenze, vive a Berlino

Condividi questo articolo!