Premio a Giuseppe Battiston

13 Luglio 2019

CAPRIVA. Musica, dialoghi e il riconoscimento a uno dei più grandi protagonisti del cinema italiano contemporaneo, l’attore udinese Giuseppe Battiston: la 17^ serata del Premio Casanova, venerdì 12 luglio, ha accolto i suoi ospiti in un’atmosfera magica, complice l’incantevole scenario del Castello di Spessa a Capriva del Friuli, ma anche i temi sui quali si sono confrontati relatori illustri.

La sostenibilità, innanzitutto, vero filo rosso del Premio Casanova 2019, come evidenziato dal panel introduttivo, il dialogo che ha visto protagonisti il Premio Nobel Filippo Giorgi, climatologo di fama mondiale, impegnato nel pool di scienziati al fianco di Al Gore per le ricerche che nel 2007 furono insignite del Nobel per la Pace, insieme al docente e storico dell’enologia Attilio Scienza, fra i maggiori esperti mondiali di viticoltura, al direttore di Top Taste Mariella Trimboli e a “Doctor Wine” Daniele Cernilli, una delle personalità più influenti in ambito enologico internazionale. A quale temperatura vivranno i nostri figli e i nostri nipoti? E quanto i cambiamenti climatici influiranno sulla produzione agroalimentare e quindi sulle scelte di viticoltura? Questioni strettamente legate al nostro tempo, che inscrivono la cultura del vino nell’attualità più viva e sentita dalle popolazioni di qualsiasi latitudine del pianeta.

Battiston con Polesini

All’apice della serata, la premiazione di Giuseppe Battiston, “formidabile ambasciatore del Friuli Venezia Giulia – si legge nella motivazione – attraverso scelte e performance attoriali intense e appassionate, attraverso una cifra stilistica personale, inconfondibile e seducente, intessuta di sapida leggerezza e di profonda empatia per l’anima umano”. Ad introdurre Battiston al pubblico del Casanova, con sapida leggerezza e con la maestria del cinéphile – ma anche di chi lo conosce dai tempi del Palio studentesco di Udine – ci ha pensato Gian Paolo Polesini, critico cinematografico e profondo conoscitore dell’artista. Chiamato in scena e salutato da lunghi applausi, Giuseppe Battiston non ha nascosto l’emozione per questo riconoscimento arrivato dalla sua terra, e concepito per promuovere i valori di “libertà, tolleranza e apertura verso l’altro”.

Sollecitato dalle domande di Polesini, Battiston ha raccontato anche dei suoi esordi sul palcoscenico, a Udine, auspicando l’introduzione dell’educazione teatrale nelle scuole: “Non certo per formare generazioni di attori, ma proprio perché il teatro aiuta a conoscersi meglio ed è uno strumento formidabile di socializzazione, di apertura nei confronti dell’altro”. Molte le realtà culturali e le istituzioni che hanno festeggiato Battiston al Premio Casanova: a cominciare dai promotori, il Castello di Spessa rappresentato dal suo “patron” Loretto Pali e l’Associazione “Amici di Giacomo Casanova” con la curatrice del premio, Barbara Borraccia. A Battiston hanno donato le due supermagnum con i vini del Castello di Spessa. E poi il presidente del Consiglio Regionale, Piero Mauro Zanin, chiamato a consegnare la targa del Premio Casanova, e ancora il vicepresidente Civibank Andrea Stedile, che ha dato pubblica lettura delle motivazioni del Premio spiegando le ragioni di una partnership avviata sin dalla prima edizione con il Premio. E il sindaco di Capriva Del Friuli Daniele Sergon, che ha appuntato a Giuseppe Battiston la spilletta Casanoviana.

Condotta dalla giornalista Sabrina Vidon, la serata ha contato sulla colonna sonora del Quartetto d’Archi Pezzè, integrato dal soprano Giulia della Peruta per una piacevolissima incursione fra note di Mozart (Eine Kleine Nachtmusik) e arie di Donizetti, Lombardo e Strauss jr.

Condividi questo articolo!