Più espressioni artistiche unite nel progetto 4 x 8

22 Ottobre 2018

SAN MICHELE AL CARSO. Debutta martedì 23 ottobre, alle 20, nell’Azienda Agricola Castello di Rubbia di San Michele del Carso, nell’ambito delle anteprime di Jazz & Wine of Peace 2018, il nuovo progetto nato a Monfalcone, multidisciplinare e articolato, intitolato “4 x 8. Cent’anni di vittime dimenticate, in collaborazione con Kulturni Dom di Gorizia e dell’Ert, con ingresso libero. Un’operazione multimediale complessa all’interno della quale dialogano improvvisazione jazz, racconti inediti, regia ed espressione teatrale e fotografia artistica, per un progetto che è contestualmente raccolto in un volume, dalla veste grafica di grande pregio, targato Gossmann Edizioni, da martedì in vendita sul sito www.nuovocorso.info e in distribuzione nelle librerie.

Maier Quintet (Foto Luca d’Agostino)

4 x 8 trae il suo nome da un percorso storico attraverso i segni della Prima Guerra mondiale (1918), delle persecuzioni razziali (1938) e dell’esodo (1948) che trovano corrispondenza nelle migrazioni e nelle guerre di oggi (2018): i quattro momenti storici (tutti segnati dall’otto finale) sono rivissuti attraverso la potenza delle arti, della libera espressione e della bellezza. 4 x 8 restituisce le emozioni e i ricordi che la sofferta terra del Nordest e le sue genti portano nei paesaggi e nelle espressioni.

La cura del progetto nel suo complesso è dell’Associazione Nuovo Corso di Monfalcone, e a dare espressione ad esso sono Giovanni Maier per la parte musicale, Luca A. d’Agostino per la parte fotografica, Gianni Spizzo per la parte testuale, Luisa Vermiglio per la realizzazione teatrale (anche in scena insieme al giovane attore Stefano Paradisi), Roberto Duse per la parte grafica, Stefano Chiarandini per la parte tecnica. A comporre il quintetto di Giovanni Maier (contrabbassista di rilievo assoluto della musica improvvisata) che si esibisce live, sono Francesco Ivone alla tromba, Flavio Brumat a sax tenore, sax contralto e flauto, Giancarlo Schiaffini al trombone (che sostituisce Lauro Rossi, titolare del progetto ma impossibilitato a prender parte alle tappe di ottobre) e Urban Kušar alla batteria. Il progetto musicale è anche un cd, registrato live lo scorso giugno, allegato al volume della Gossmann.

“4 x 8”, che nasce, in primis, dall’idea di Manlio Comar – socio fondatore dell’Associazione Nuovo Corso – crede e vuole profondamente dare una forma artistica quanto più completa ed efficace all’idea di memoria, sofferenza e umanità.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!