Musica per altoparlanti: il festival comincia a Udine

13 Ottobre 2017

UDINE. Prende avvio sabato 14 ottobre a Udine l’appuntamento legato alle nuove sperimentazioni musicali con la ventunesima edizione del festival “Contemporanea” – evento realizzato grazie al sostegno della Regione, del Comune di Udine e della Fondazione Friuli – quest’anno particolarmente dedicato al repertorio acusmatico, ovvero composizioni scritte appositamente per altoparlanti che consentono la proiezione del suono nello spazio tridimensionale. Il progetto “Acusmatica – Ascoltare lo Spazio / Ascoltare il Tempo” proporrà a partire da sabato quattro appuntamenti, tutti ad ingresso libero, per raccontare diversi aspetti del mondo della Nuova Musica legata al repertorio acusmatico. Il termine Acusmatico si riferisce a un approccio compositivo teorico e pratico, a particolari condizioni di ascolto e realizzazione, e a strategie di proiezione del suono. Buona parte delle composizioni che saranno eseguite quest’anno provengono da tre differenti Call for Works, a cui hanno aderito e risposto trentasei diverse nazioni per un totale di 260 lavori.

Dante Tanzi

Sabato alle 21 il Teatro San Giorgio ospita Acusmonium Audior performance, evento performativo che raccoglie composizioni dedicate all’Acusmonium: il sistema di proiezione del suono nello spazio fu disegnato per la prima volta a Parigi nel 1974 da François Bayle e usato originariamente negli studi di Radio France. L’Acusmonium mobile AUDIOR, protagonista della serata, vera e propria orchestra di altoparlanti con 44 punti di diffusione e 54 diffusori, è stato costruito nel 2012 da Eraldo Bocca, progettista e costruttore elettroacustico e consulente nell’ambito della progettazione acustica ambientale. Si tratta di un’orchestra di altoparlanti destinata all’interpretazione in concerto di musiche elettroacustiche con lo scopo di spazializzare il suono. I suoni vengono diffusi tramite altoparlanti di diverso colore timbrico, calibro e potenza, disposti in modo da organizzare lo spazio acustico secondo le caratteristiche della sala e lo spazio psicologico secondo le caratteristiche dell’opera. L’ascolto è di tipo immersivo mentre un interprete alla consolle di spazializzazione si occupa di pianificare le emergenze e i movimenti del suono nello spazio, le sfumature e i contrasti, controllando le intensità, la densità sonora, i colori e i filtraggi. Il progetto elettroacustico e installativo è dello stesso Eraldo Bocca, l’interpretazione all’acusmonium è firmato da Dante Tanzi, compositore e interprete di musica acusmatica.

Il festival prosegue domenica 15 ottobre sempre al Teatro San Giorgio con inizio alle 21 con Acousmatic Premiere, un appuntamento a cura di Vittorio Vella dedicato alla performance di composizioni in prima esecuzione assoluta, su un repertorio inedito espressamente scritto per l’occasione. Il concerto utilizza fino a un massimo di dieci, diversi altoparlanti disposti all’interno della sala. Si prosegue giovedì 19 ottobre con Acousmatic Field, installazioni d’arte sonora allestite nella Chiesa di San Francesco mentre sabato 21 ottobre, di nuovo al Teatro San Giorgio, in programma Acousmatic Repertoire Performance. Il materiale musicale eseguito durante il festival troverà spazio su due CD inseriti nel catalogo di TEM – Taukay Edizioni Musicali.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!