Mostra a Villa Manin e una grande festa al Palamostre per i cinquant’anni dell’Ert

11 Settembre 2019

UDINE. A 50 anni, l’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia ha l’aspetto di una bella signora, vivace, attenta alla crescita, alla cura, al benessere di intere generazioni. Che altro non sono se non il suo pubblico, per il quale lo spettacolo resta un impegno e un piacere comune. Cinquant’anni sono un anniversario importante. Tanto più per un circuito teatrale che annovera tra i suoi associati la Regione e più di venti Comuni, e la cui principale attività è la cura e realizzazione di 27 stagioni teatrali di prosa, musica e danza, oltre alla diffusione della cultura teatrale nelle scuole nonché la ristrutturazione e l’adeguamento delle sale gestite. Un anniversario come questo è quindi l’occasione per ripercorrere una storia, che non è solo quella di una regione, ma dell’intero Paese, delle sue trasformazioni, del suo bisogno di teatro.

Per festeggiare questo importante traguardo, l’Ert, la Regione Fvg e l’Erpac -Ente Regionale per il Patrimonio Culturale, con il sostegno della Fondazione Friuli e il contributo di CrediFriuli, hanno messo a punto diverse iniziative illustrate oggi, 11 settembre, nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella sede udinese della Regione. Sono intervenuti l’Assessore regionale alla Cultura Tiziana Gibelli, il presidente dell’Ert Sergio Cuzzi con la vice Annamaria Poggioli (coordinatrice degli eventi per il 50imo) e il Presidente di CrediFriuli Luciano Sartoretti.

Giorgio Albertazzi firma autografi (1983)

Di circuiti teatrali in Italia ce ne sono una quindicina e rappresentano la spina dorsale del sistema teatrale nel nostro Paese. È grazie a loro che chi vive in provincia può incontrare il grande teatro, la musica e la danza. Non poteva chiamarsi che Lungo circuito, dunque, il progetto curato e ideato da Roberto Canziani, critico teatrale, esperto di teatro italiano e internazionale, docente all’Università di Udine e alle accademie Silvio d’Amico di Roma e Nico Pepe di Udine. Un titolo che vuole sottolineare proprio la duratura presenza dell’Ert e l’attività che, a partire da quel lontano settembre 1969, lo ha visto tra i protagonisti della vita culturale dell’intera regione. Negli ultimi 25 anni le oltre 20 sale del circuito hanno ospitato quasi 2 milioni di spettatori. Dal teatro di Pontebba fino a quello di Grado, dalle sale più ampie, come quella di Sacile, fino a quelle con solo un centinaio di posti.

Ma entriamo nel dettaglio del programma. Non poteva che partire da un racconto per immagini questo percorso a ritroso nella memoria dell’Ert. Un viaggio espositivo che troverà spazio nella cinquecentesca Villa Manin di Passariano. Ambientata in un paesaggio teatrale realizzato dallo scenografo Andrea Stanisci e ispirato all’opera dell’artista Stefano Mancini, la mostra – che sarà inaugurata sabato 14 settembre alle 11 nella Barchessa di Levante e sarà visitabile fino al 13 ottobre con ingresso gratuito – è suddivisa in otto sezioni: dalla missione dell’Ert a un viaggio fotografico nelle sale attualmente gestite, fino all’Archivio Rodolfo Castiglione, che raccoglie la documentazione dell’Ente e dedicato a colui che, per lungo tempo, ne è stato presidente e direttore. La mostra è inserita all’interno del programma de Nel giardino del Doge Manin, manifestazione florovivaistica che da tre anni “mette le radici” nel parco storico più grande della regione.

In coda al Palamostre per gli abbonamenti (fine Anni 70)

Dopo l’inaugurazione della manifestazione, una performance della compagnia di danza Arearea accompagnerà il pubblico fino agli spazi espositivi per una visita guidata alla mostra condotta dal curatore Roberto Canziani. Alle 15, invece, all’ingresso della mostra, l’attore e regista Massimo Somaglino presenterà Dafne, Mirra, metamorfosi per radici, una lettura ispirata a due miti tratti dal poema di Ovidio. L’esposizione sarà visitabile dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 19 (lunedì chiuso). Info www.ertfvg.it, info@ertfvg.it o 0432 224211. La mostra è accompagnata da un volume-catalogo. Una pubblicazione di 200 pagine che attraverso numerosi approfondimenti e fotografie accompagna e commenta la mostra.

Tante sorprese attenderanno il pubblico chiamato sabato 28 settembre (ore 20.45) al Palamostre di Udine per la grande serata evento organizzata per festeggiare i primi 50 anni dell’Ert. Gazie alla regia affidata a Giuliano Bonanni, spettatori e artisti, insieme a tutti coloro che in questi decenni hanno fatto crescere l’Ente e ne hanno modellato la fisionomia, si ritroveranno al teatro udinese per una festa di compleanno aperta a tutti (prenotazioni entro il 27 settembre ai numeri 0432 224211/88).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!