Leonardo e le “bestie”: un inedito percorso sensoriale

12 Giugno 2019

Attività con le classi a Cjase di Catine

FAGAGNA. Di nuovo l’immaginario dei bambini si fa spettacolo, portando intere comunità a ‘immergersi con i loro occhi’ in ciò che quotidianamente le circonda! Bestiario Immaginato, il festival ideato da Damatrà con il sostegno della Regione, che coinvolge ogni anno sette comuni del territorio con esperienze inedite di teatro sociale, è arrivato al secondo appuntamento di questa sua 6^ edizione dedicata a Leonardo bambino: il 14, 15 e 16 giugno si svolgerà “Tane di bestie”. A 500 anni della morte del genio, il festival racconterà l’avventura di Leonardo, lettore appassionato del grande libro della natura che fin da bambino fa del disegno uno strumento di indagine, osservazione e memoria e che, tra i suoi scritti, ci ha lasciato anche un Bestiario. Tre quadernetti databili al 1494 e contenuti nel ‘codice H’, una raccolta di aneddoti e raffigurazioni di animali reali e fantastici, uniti alla descrizione di un vizio o una virtù che l’animale incarna.

Osservando da vicino l’animalistica nei suoi disegni, la rappresentazione pittorica e dei corpi, scopriremo le idee di Leonardo sui coccodrilli, i gatti, gli orsi, le aquile, i cavalli, gli ermellini e ne faremo uno spettacolo! Nato nelle scuole coinvolgendo oltre 600 bambini, si svilupperà durante i laboratori collettivi con gli adulti e prenderà vita il 14, 15, 16 giugno a Cjase di Catine a Fagagna con l’allestimento di Tane di bestie un grande percorso sensoriale e interattivo che ricalca il Teatro de Los Sentidos. Un teatro senza palcoscenico e senza applausi, un’idea che nasce a metà del secolo scorso in Sud America dove lo spettatore/visitatore compie un viaggio inaspettato: attraversa corridoi poco illuminati, cammina scalzo su tappeti sempre diversi, di sabbia, terra, piuma, entra in stanze ‘parlanti’ accompagnato da mani sconosciute che compaiono dal buio… Allo stesso tempo sente profumi, ascolta musiche, voci di persone e animali, è invitato a riconoscerle, vede immagini che improvvisamente cambiano… Lo smarrimento iniziale cede il posto al gioco poetico che coinvolge ogni senso e si fa esperienza unica, in un crescendo della recitazione affidata per quest’edizione alla compagnia spagnola Lluvia Horizontal, guidati dall’attore Yevgeni Mayorga e dall’artista Virginia Di Lazzaro.

Disegni di Leonardo e… allievi

Un progetto costruito in maniera partecipata dove le arti, l’infanzia e le persone hanno un ruolo centrale e che vede nuovamente i territori di Colloredo di Monte Albano, Fagagna, Moruzzo, Pagnacco, Remanzacco, S. Vito di Fagagna e Tavagnacco collaborare, valorizzando i luoghi più significativi: l’Oasi naturalistica dei Quadris a Fagagna, il borgo rurale di Fontanabona, i prati stabili di Remanzacco e Colloredo, preziosi serbatoi di biodiversità. In questi spazi si svolgeranno i laboratori di comunità, per raccontare e sperimentare il Bestiario di Leonardo, spirito libero e indagatore che studiò gli animali per migliorare la conoscenza dell’anatomia umana e si fece coinvolgere in tutte le esperienze che la natura gli proponeva… Grandi e piccoli alla scoperta dei reciproci immaginari, con sguardi creativi e mani disposte a fare insieme.

Il percorso sensoriale Tane di bestie è a ingresso libero e su prenotazione (Damatrà 0432 235757).

Per quest’edizione la direzione scientifica è affidata a Virginia Di Lazzaro grazie alle partnership internazionali che assicurano al progetto la possibilità di oltrepassare i confini regionali promuovendo l’immagine della regione, il Bestiario farà a tappa a Valencia, a Capodistria e a Pola all’interno di Visualia – Festival internazionale della luce.

Condividi questo articolo!