Le rose sulla tela: una mostra all’Abbazia di Rosazzo

10 Maggio 2017

MANZANO. L’incanto della natura sarà rappresentato su tela nella mostra d’arte “Rosae rosarum rosis”, che sarà inaugurata giovedì 11 maggio, ore 18, nella millenaria Abbazia di Rosazzo. L’intensità della bellezza del mondo vegetale, lirico ed esterno, è da sempre tra gli artisti fonte di ispirazioni, emozioni e di soluzioni creative. La mostra, che apre in anteprima il programma di iniziative della XIII edizione di Rosazzo da Rosa (13 e 14 maggio), comprende esperienze artistiche diverse, ma accomunate dal fascino verso la natura, da Anzil Toffolo a Giuseppe Zigaina, da Mirko Basaldella a Cesare Mocchiutti, da Giorgio Celiberti a Redi Casarsa e Marcello Di Tomaso. L’allestimento, curato da Sergio Colussa, propone una selezione di una ventina di pittori, ben amalgamata nelle sue componenti culturali che attraversa un secolo di arte in Friuli.

Un importante omaggio va alla creatività di Giovanni Pellis e ai suoi lirici “giardini” che con passione in ogni stagione piantava e curava le aiuole di fiori e rose nella casa-studio situata sotto il castello di Udine, in Riva Bartolini. E ogni anno puntualmente le riportava per sempre con sentimento sulla tela. L’autenticità e la spontaneità espressiva colpirono anche il critico d’arte veneziano Guido Perocco che nel 1964 acquistò tre quadri per la Ca’ Pesaro, tra i quali proprio un “giardino” del 1942.

“In questa rassegna – ha scritto Sergio Colussa nell’introduzione del catalogo – si fa notare per eleganza un “Vaso di fiori”, dipinto nel 1944 per una importante collezione udinese, dopo gli eremitici soggiorni della bianca prigionia montana dove tutto era fatato e incantato e dove le nostalgie vetuste del vero pittorico ricercate con sincerità s’intrecciano, e talvolta si scontrano, con quelle dei pittori della ormai nuova generazione”. Colussa ha sottolineato come “attraverso la selezione di opere esposte dedicate ai fiori, ognuno può avvertire che l’arte figurativa è stata per il Maestro friulano non solo un mezzo per comunicare stati d’animo ma rivelare poesia e vero temperamento, pieno di palpiti e brividi in sintonia con l’atmosfera che lo circondava”.

La mostra sarà visitabile durante il weekend di Rosazzo da Rosa e resterà aperta fino al 23 luglio, con il seguente orario: venerdì, sabato, domenica: 9-12 e dalle 15 alle 18, negli spazi espositivi dell’ex Tribunale (fronte Chiesa), in Abbazia di Rosazzo (Manzano/Udine). La manifestazione Rosazzo da Rosa, XIII edizione, è stata organizzata dalla Fondazione Abbazia di Rosazzo, con la partnership del comune di Manzano, con il supporto della Fondazione Friuli, e il patrocinio della Regione, PromoTurismo FVG, Camera di Commercio di Udine, Università di Udine, Provincia di Udine, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di San Giovanni al Natisone. Si ringrazia per la collaborazione Colussa Studio d’Arte, Suma, Calligaris, Banca Popolare di Cividale, azienda Livio Felluga, Pro Loco Manzano, Comitato Fiera Vini Corno.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!