La vera storia di Lea Garofalo in un film a Cinemazero

14 Marzo 2019

Lea Garofalo

PORDENONE. Venerdì 15 marzo alle 20.30 a Cinemazero l’evento organizzato dal Presidio di Libera “Ilaria Alpi – Miran Hrovatin” di Casarsa – S. Vito al Tagliamento i intitolato “Il coraggio di un’esistenza libera”. Durante la serata verrà proiettato il film Lea di Marco Tullio Giordana, introdotto dall’intervento di Enza Rando, vice Presidente e Responsabile dell’Ufficio legale di Libera, avvocato contro le mafie, da sempre a fianco di Lea Garofalo vittima innocente.

Sullo schermo la vera storia di Lea Garofalo, testimone di giustizia calabrese, che seppe opporsi allo strapotere della ‘ndrangheta a costo di morirne. Nata da una famiglia ‘ndranghetista, compagna di uno ‘ndranghetista, Lea Garofalo non si riconosce nei meccanismi propri di quella cultura, li rifiuta e li denuncia, scegliendo la speranza, per sé e per sua figlia Denise. Una grande storia di denuncia e di impegno che racconta una donna semplice diventata un modello civile di coraggio.

L’evento si inserisce nell’ambito del viaggio di LiberaIdee in Friuli Venezia Giulia, una settimana – dall’11 al 16 marzo – di eventi, appuntamenti, incontri per riaccendere l’attenzione sui temi della lotta alle mafie e corruzione e per presentare i dati della ricerca nella nostra regione. Un grande viaggio da nord a sud dell’Italia, partendo dalla conoscenza per scatenare la fantasia, la creatività, l’innovazione con modalità nuove come il cinema, il teatro, la musica. Un percorso di oltre 200 tappe in Italia e in Europa, che porterà i coordinamenti locali di Libera ad animare un dibattito locale che, a partire dai dati, ha l’obiettivo di riscrivere l’agenda dell’associazionismo in tema di mafie e corruzione, l’ampliamento della rete e l’assunzione di responsabilità di tanti più soggetti possibili in merito.

Ingresso libero.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!