Jazz sperimentale: due concerti al Carso in Corso

13 Dicembre 2018

Duo Massaria-Ditmas

MONFALCONE. L’associazione culturale Nuovo Corso propone un doppio regalo di Natale al suo pubblico: al Carso in Corso di Monfalcone, venerdì 14 dicembre il duo Massaria – Ditmas; sabato 15 dicembre l’esplosivo progetto Trigonos.

Un fine settimana intenso per l’Associazione Nuovo Corso che propone due concerti di livello notevole nei locali de Il Carso in Corso: venerdì 14 dicembre alle 21 (a ingresso libero) suonano due improvvisatori d’eccezione, di livello internazionale: il chitarrista Andrea Massaria e il batterista Bruce Ditmas. Sabato 15 dicembre (sempre alle 21 e sempre a ingresso libero) è atteso un fuori programma, che non manca di stupire: Trigonos è il progetto di Andrea Centazzo (percussioni, malletkat, sampling), Giancarlo Schiaffini (trombone) e Sergio Armaroli (vibrafono), artisti protagonisti indiscussi della scena jazz sperimentale contemporanea italiana.

Trigonos: Armaroli, Centazzo, Schiaffini

Un concerto che non si può che definire fantasioso, imprevedibile, duttile, curioso, quello del duo Massaria – Ditmas. Andrea Massaria (chitarre ed effetti) e Bruce Ditmas (batteria e percussioni) sono due instancabili ricercatori ai confini tra jazz e sperimentazione sonora, personalità ben distinte che dialogano tra loro con un profondo interplay e uno spiccato senso della composizione istantanea. Le loro improvvisazioni estemporanee sottolineano come il confine tra scrittura e improvvisazione sia spesso molto labile ed indefinito, tanto che tra musica scritta e improvvisata ne risulta un unicum sonoro, che il duo propone in maniera totalmente nuova. Il più recente lavoro in duo di Massaria e Ditmas è il cd (prodotto da nusica.org) “The Music of Carla Bley”, che verrà anche in parte riproposto nel corso della serata: frammenti di temi della grande pianista e compositrice sono reinterpretati dal duo, con il netto prevalere della libera improvvisazione. I due artisti esplorano a fondo le potenzialità timbriche e sonore dei propri strumenti e sviluppano in una via originale gli aspetti armonici, melodici e ritmici delle composizioni stesse.

Sergio Armaroli, Andrea Centazzo e Giancarlo Schiaffini in Trigonos lavorano, riflettono, creano insieme sulle loro storie musicali, intellettuali e umane. Li accomuna l’improvvisazione, come procedura, spazio mentale, immersione nei suoni, in se stessi.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!