I “cervelloni” del Diacono spiegano i loro robot

10 ottobre 2018

CIVIDALE. In occasione degli Erasmusdays, iniziativa partita dalla Francia per rendere visibili i progetti Erasmus+ alla cittadinanza, il Liceo Scientifico annesso al Diacono di Cividale ha organizzato un evento speciale per presentare EUROROBOTISONS, il progetto dedicato ai robot, in programma venerdì 12 ottobre dalle 15 alle 170 in piazza Ristori.

Nell’aula magna del Liceo Classico, gli allievi coinvolti nel progetto presenteranno a chiunque sia interessato i robot progettati, costruiti e programmati lo scorso anno scolastico, facendogli percorrere un circuito dedicato. Nel frattempo, sulla lavagna multimediale, verranno proiettati i video prodotti dagli allievi in occasione delle mobilità transnazionali, mentre alcuni studenti che hanno partecipato l’anno scorso agli step del percorso progettuale saranno a disposizione per raccontare la loro esperienza. L’evento, collegato a quelli organizzati dalle scuole partner – il Lycee La Prat’s di Cluny per la Francia e l’Escola Municipal Treball di Granollers per la Catalogna – Spagna – si trova online sul sito dell’Agenzia nazionale Erasmus+ http://www.erasmusplus.it/erasmusdays-civirobot-cnpd/

La finalità di EUROROBOTISONS è quella di avvicinare i ragazzi di più scuole d’Europa e favorire il teamworking attraverso un programma di costruzione e programmazione di robot. Realizzato con il sostegno dell’Unione Europea, il progetto è stato attivato lo scorso settembre e il primo incontro si è svolto in Spagna, dove i gruppi di lavoro hanno gettato le basi per costruire le “macchine”. A Cividale si sono aperte le sfide tra i robot e lo scorso giugno i diversi team si sono fronteggiati a Cluny su circuiti ancora più complessi.

Durante l’anno scolastico in corso, la programmazione verrà ulteriormente affinata e sviluppata; i robot dovranno essere arricchiti di un braccio meccanico mobile, corredato di pinza per afferrare piccoli oggetti. Come precedentemente avvenuto per i robot, tale braccio dovrà essere progettato, costruito (i pezzi verranno stampati con una stampante 3D) e programmato per essere messo in movimento tramite una speciale App da un telefono cellulare. Nuovi allievi italiani, francesi e spagnoli si cimenteranno con queste complesse attività, lavorando in gruppi transnazionali. Anche quest’anno terminerà in Francia con una competizione tra i robot, che si misureranno su un circuito più complesso e diverso, ossia studiato questa volta in modo da dover utilizzare tale braccio.

Patrizia Pavatti, Rettore del Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale, ha così espresso la sua soddisfazione per la partecipazione a Euroborotisons: “Sono orgogliosa di questo progetto che ha permesso agli studenti del Liceo Scientifico di lavorare concretamente sulla costruzione di un robot in un team internazionale con risultati eccellenti”.

Condividi questo articolo!