Humus Park Atto I al Palù di Livenza Poi si fa festa!

18 Maggio 2018

Gabriele Meneguzzi guida il sopralluogo

CANEVA. Si conclude sabato 19 maggio alle 18.30 a Villa Frova di Stevenà di Caneva con la presentazione delle opere realizzate al Palù di Livenza, la prima settimana del meeting internazionale di Land Art, Humus Park. Un evento che sarà una vera e propria festa con assaggi dei prodotti tipici del territorio e performance pittorico musicali, per celebrare i frutti della terra. Questa prima settimana ha visto all’opera gli artisti Kim Kao e Fabio Pes (Francia – Italia); Donald Buglass e Fiona Paterson (Nuova Zelanda); Ryszard Litwiniuk e Miroslaw Maszlanko (Polonia); Vanja Mervic e Aleksander Veliscek (Slovenia); Peter Hess e Marie Helene Hess Boson (Svizzera); Ya-Lan Sez e Mei Pei Chen (Taiwan); Nick Neddo e Hannah Mitchell (USA).

Hannah Mitchell

Artisti provenienti da tutto il mondo con curriculum eccellenti. Tra essi spiccano l’artista multidisciplinare Donald Buglass, membro dell’ Artists in Nature International Network, impegnato in diversi progetti in tutto il mondo, Nick Neddo, autore del libro “The Organic Artist”, nel quale spiega come creare i propri materiali artistici traendoli dal paesaggio e dall’ambiente, Peter Hess, padre della Land Art naturalistica in Europa, creatore del Grindelwald Land Art Festival. La sezione degli artisti italiani era invece composta da Alberto Magri, Giulio Masieri, Arianna Gasperina, Alessandro Lazzer, Marco Nones (fondatore del Parco d’arte RespirArt in Val di Fiemme), Elio Vanzo, Emy Petrini, Beatrice Speranza, Silvia De Anna, Davide Raffin.

Accanto a loro hanno lavorato anche studenti dell’Isis di Sacile e Brugnera – Bruno Carniello, del Liceo Artistico Statale Bruno Munari di Vittorio Veneto, dell’Accademia di Belle Arti di Carrara e dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. La presentazione delle opere sarà a cura dei direttori artistici Gabriele Meneguzzi e Vincenzo Sponga, del critico d’arte Angelo Bertani. La cerimonia formale si concluderà con la consegna dei premi Gea, che mettono in luce nuovi talenti individuati tra gli studenti partecipanti. Sarà poi il tempo della festa, che si protrarrà per tutta la sera. A dare gioia al palato saranno i prodotti tipici del territorio in degustazione, selezionati da Gianna Buongiorno in collaborazione con Slow Food. Oltre a Presìdi riconosciuti, ci saranno anche aziende agricole di eccellenza della zona.

Nick Neddo

D’eccellenza anche l’intrattenimento musicale con la performance pittorico musicale Audiopaint di Giulio Masieri (anche artista di Humus Park), in programma verso le 21. Accompagnato da Roberto Vignandel e Luca Grizzo che suoneranno strumenti percussivi realizzati con materiali naturali, dipingerà un soggetto ispirato alla Land Art su una tela collegata ad appositi sensori, facendola suonare. E si farà tardi cullati dalle note della black music e dell’RnB, proposte dal duo voce e pianoforte Michela Grena e Gianpaolo Rinaldi: da Aretha Franklin a Ray Charles, da Gladys Knight a Steve Wonder, e poi Etta James, B.B. King, Little Richard.

​La prossima settimana gli artisti lavoreranno a Pordenone nel parco del Museo Archeologico ​​e nel Parco del Seminario.

Le foto sono di Terrazzani.

Condividi questo articolo!