Hip-hop, breakdance e danza contemporanea a Cormons

20 aprile 2017

CORMONS. Dopo il successo della prima edizione, torna la due giorni dedicata all’hip-hop, alla breakdance e alla danza contemporanea al Teatro Comunale di Cormons sabato 22 e domenica 23 aprile: ‘Bellanda Suite II’, organizzato dalla Compagnia di danza Bellanda e Élever_Contattodanza di Cormons in collaborazione con Ente Regionale Teatrale del FVG e a.ArtistiAssociati, si prefigge di avvicinare i giovani talenti a tutte le sfaccettature della danza, abbattendo i pregiudizi che limitano la sperimentazione di concetti e promuovendo il confronto per mettere in risalto le similarità ed i denominatori comuni di ogni disciplina. In questa ottica la musica può ritornare protagonista assoluta per scavalcare le costruzioni culturali e tradizionali che convogliano le energie espressive verso canoni standardizzati.

La prima giornata (sabato 22 aprile) sarà dedicata allo studio ed alla ricerca stilistica personale coadiuvata da coreografi del calibro di Elisa Di Maio, Raffaele Titton e Giovanni Leonarduzzi, esponenti di spicco di livello nazionale ed internazionale che spaziano dalla danza contemporanea all’Hip Hop. Novità di quest’anno la presenza del coreografo Roberto Zappalà e della sua compagnia, che proporrà un Laboratorio sullo studio del suo linguaggio e del suo stile (ancora disponibili alcuni posti per danzatori maggiorenni di livello avanzato, ma sarà necessario inviare curriculum alla mail compagniabellanda@gmail.com).

Al termine dei workshop, alle 21 sarà presentato lo spettacolo ‘Bellanda Suite’ composto da diverse performance: si partirà dalla danza contemporanea per arrivare al breaking, mettendo in risalto le varie declinazioni che l’Hip Hop può raggiungere con la consapevolezza del suo gesto applicato ad altre forme. Protagonisti i performer di Effetti Collaterali Crew, Giovanni Gava Leonarduzzi (Compagnia Bellanda), Anna Savanelli (Arearea), Tribal Squad, Compagnia Zappalà Danza.

Roberto Zappalà

La seconda giornata (domenica 23 aprile) vedrà come protagonista la competizione. Su un tappeto musicale eseguito dal vivo dal maestro Paki Zennaro, gli artisti faranno appello alla propria sensibilità per convogliare le energie espressive nel superamento dei canoni standardizzati e trovare l’essenza dell’improvvisazione. Si rivoluziona il concetto di gara, la musica diventa protagonista assoluta e sul palcoscenico si crea qualcosa di unico. La selezione dei danzatori si svolgerà su un’unica composizione senza interruzioni eseguita dal vivo. I migliori otto, nella fase successiva, andranno a confrontarsi con gli otto special guest in un torneo 1 vs 1 fino alla proclamazione del vincitore. La giuria sarà composta da Roberto Zappalà (Compagnia Zappalà Danza), Marta Bevilacqua (Compagnia Arearea) e Elisa Di Maio (Yessai Squad).

Condividi questo articolo!