Friuli e Carnia dopo Caporetto Una conferenza a Tolmezzo

2 Ottobre 2018

TOLMEZZO. L’Associazione di Studi e Ricerche Storico Archeologiche “Carnia Cultura” con il patrocinio del Comune di Tolmezzo organizza per venerdì 5 ottobre la conferenza “La Rotta di Caporetto lungo le strade e nei paesi del Friuli e della Carnia”. L’incontro si terrà alle 18 nella Sala Consiliare del Comune di Tolmezzo.

Come furono sopraffatte le linee italiane nella valle dell’Isonzo, quali vie usarono gli austro-tedeschi per riversarsi, come una valanga, a occupare tutto il Friuli e parte del Veneto, fino al Piave. Gli sbandamenti e gli atti di eroismo dei soldati italiani. Quali battaglie l’esercito italiano riuscì a organizzare, per frenare l’impeto nemico e permettere al grosso delle truppe di ritirarsi, più o meno ordinatamente, fino alla linea di difesa individuata. Il dramma dei civili sfollati dalla zona occupata e il dramma di coloro che non vollero o non poterono scappare. Città, paesi, famiglie spogliati di ogni loro avere, abbandonati alla miseria più nera. 1917-1918, annus horribilis per la Carnia, il Friuli e il Veneto”.

Ne parleranno il Prof. Matteo Ermacora, gemonese, Dottore di Ricerca in Storia Sociale Europea, Insegnante nelle scuole superiori della provincia e docente all’Università di Venezia e il Prof. Paolo Pozzato, di Bassano del Grappa, laureato in Filosofia, docente di storia e filosofia al Liceo Scientifico “J. Da Ponte” di Bassano del Grappa, Direttore dell’ Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Vicenza. Due prestigiosi storici che hanno approfonditamente analizzato nelle loro ricerche il periodo della Prima Guerra Mondiale, nei suoi aspetti militari, economici e sociali.

Condividi questo articolo!