Festival dedicato al fornese Johannes Maria Anciuti

11 agosto 2018

FORNI DI SOPRA. Dal 24 al 26 agosto a Forni di Sopra, all’ombra delle dolomiti orientali patrimonio Unesco dell’umanità, si terrà l’Anciutimusicfestival a ricordo di Johannes Maria Anciuti, definito dal Prete Rosso Antonio Vivaldi “Lo Stradivari dell’Oboe”. Il 24 agosto alle 12 è previsto il concerto-anteprima del festival con gli allievi del Dorelab Summer Camp.

Fino a poco tempo fa di Giovanni Maria Anciuti si conoscevano solo le sue preziose opere sparse in vari musei d’Europa. Oboi e flauti realizzati con le essenze più strane, con i legni più duri: dal bosso al melograno, dall’africano palissandro all’americano granatiglio, fino agli oboi realizzati col costoso avorio. Siamo ai vertici strumentali della musica europea tra Sei e Settecento. Colui che realizzava queste opere d’arte non si sapeva chi fosse, se non che operava a Milano. Si dava per scontato che quel cognome fosse uno pseudonimo.

Oggi grazie al tenace lavoro del professor Francesco Carreras, ricercatore del CNR di Pisa e appassionato musicologo, abbiamo prove certe della sua esistenza. Ancora giovane partì dal suo paese natale – Forni di Sopra – per raggiungere Venezia. Nella Repubblica Serenissima ebbe la possibilità di frequentare alcune botteghe artigiane, in particolare una che operava nel settore degli strumenti musicali. Era giovane, imparò presto. Raggiunse Milano appena ventenne. Cominciò a lavorare, si sposò e dal primo Settecento cominciò a sfornare i suoi raffinati strumenti sempre più richiesti, che tuttora arricchiscono i musei d’Europa. Il museo degli Strumenti musicali di Milano conserva al suo interno il famoso “Angelo d’avorio”, un oboe sul quale sono istoriati dei volti d’angelo, che lo stesso Vivaldi aveva commissionato “ad un misterioso personaggio”, Johannes Maria Anciuti.

Il programma del festival, dopo il concerto-anteprima, prevede nella stessa giornata, alle 20.30 I concerti barocchi per oboe e fagotto con l’Orchestra da camera del FVG, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta (Via Nazionale, a Forni di Sopra). Il 25 agosto, alle 12, il Concerto aperitivo del Dorelab Summer Camp con gli studenti del campus al Centro Visite Parco Dolomiti Friulane, in via Vittorio Veneto, 1. Alle 15, sempre al Centro visite, si terrà la conferenza Esposizione di strumenti del liutaio Alberto Ponchio. Alle 19, stesso luogo, “L’Angelo d’avorio ritorna a casa” – Incontro con il M° Simone Toni. Alle 20.45, concerto “Vivaldi e l’angelo d’avorio” con l’Ensemble “Silete Venti!” nella chiesa di San Giacomo, nell’omonima via a Forni.

Il 26 agosto alle 11.30 si comincia con il concerto finale del Dorelab Summer Camp, con studenti e docenti, nella Ciasa dai Fornes, in Via Nazionale, 133. Segue alle 15.30 la conferenza “Giovanni Maria Anciuti: la storia del liutaio di Forni di Sopra”; relatore: Prof. Francesco Carreras (Centro Visite Parco Dolomiti Friulane). Alle 17 è la volta del concerto “L’apoteosi di Giovanni Maria Anciuti” con l’Ensemble “J.M. Anciuti”, Chiesa di San Giacomo.

Info: http://anciutimusicfestival.it/ Cell 349 5011205.

Condividi questo articolo!