Evoluzione di confine

14 Ottobre 2016

GORIZIA. Arrivano alla CARINArnica tra Gorizia e Nova Gorica, direttamente da Berlino, alcuni interessanti artisti su invito del Kinoatelje per riflettere, con una particolare performance, sulle evoluzioni socio-urbanistiche dei confini europei. In particolare questo sabato 15 ottobre dalle 19, Brunel e Nicolas Pannetier dell’Atelier Limo, due architetti che da dieci anni studiano le frontiere dal Baltico all’Adriatico, daranno vita alla mostra multimediale “Border + | Ouverture”. L’evento, introdotto da un intervento dell’architetto e docente a contratto alla Facoltà di Architettura di Trieste a Gorizia, Luigi Di Dato, è insieme un documentario, una performance interattiva e un’installazione.

bordScorreranno immagini di diversi checkpoints europei, fotografati dal 2006 al 2016, le quali verranno proiettate su uno schermo situato di fronte alla CARINArnica, dall’altra parte della strada. In questo modo ogni persona che passerà il confine cambierà, a suo modo, la proiezione, trasformando idealmente delle immagini del passato in istantanee del presente. L’idea nasce dai due filmakers dell’Atelier Limo che nel tempo hanno collezionano foto, video e registrazioni audio per documentare i mutamenti degli ambienti urbani delle zone di confine europee. In risposta all’invito a collaborare del Kinoatelje, gli autori hanno così preparato una selezione di documenti estratti dalle loro ricerche che presenteranno per la prima volta negli spazi dell’ex casetta doganale che fino a pochi anni fa separava Nova Gorica e Gorizia.

L’evento sarà il primo della serie di appuntamenti che precedono il festival monografico itinerante “Premio Darko Bratina 2016” che si terrà dal 22 al 29 novembre. Al termine ci sarà il concerto di Polina Tikk, in arte Pollytikk, cantautrice e chitarrista russa che fa base a Berlino. Influenzata da artisti come Pj Harvey e David Bowie, l’artista ha un gusto particolare per le storie insieme armoniose e disturbate, che racconta con una chitarra a quattro corde e una voce dalla notevole estensione, alta e profonda. Pollytikk ha alle spalle numerosi live e gli Atelier Limo hanno collaborato, ad oggi, con più di 100 organizzazioni internazionali in oltre 20 paesi, sempre sui temi delle identità di confine e della memoria in Europa.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!