Età, sesso, origine diversi in azienda portano innovazione

9 Febbraio 2019

TRIESTE. I team aziendali che includono anche una vasta diversità di età e geografica prendono decisioni aziendali migliori molto più spesso di quelli omogenei, spesso formati da soli uomini, provenienti tutti dalla stessa area, e stimolano l’innovazione. L’inclusione quindi per un’azienda è una scelta vincente. Lo dice più di una ricerca di settore e lo conferma Newton, realtà che opera per l’innovazione nell’organizzazione aziendale.

Newton in collaborazione con Mib Trieste Alumni Association organizza un incontro pubblico (l’11 febbraio alle 18, nello spazio Trieste Città della Conoscenza, nella stazione ferroviaria) su questo tema, illustrando i vantaggi dell’inclusione nel promuovere l’innovazione e quali interventi possono aiutare le aziende per migliorarla. Interverranno Andrea Notarnicola, partner Newton Management Innovation e Alunno Mib School of Management ed Eva Campi, psicologa partner di Newton, dove si occupa di Change Management.

Donne, diversamente abili, minoranze etniche, culturali, religiose. O semplicemente persone con formazione, competenze ed esperienze diverse: oggi sta crescendo la consapevolezza che la diversità anche all’interno delle aziende lungi dal rappresentare un ostacolo o un problema da minimizzare, è al contrario una ricchezza, capace di generare innovazione e maggiore competitività. Newton è una realtà che si occupa, fra le altre cose, di aiutare le aziende a gestire la diversità facendola diventare una risorsa. Nell’incontro Notarnicola e Campi approfondiranno l’argomento e dialogheranno con il pubblico su questo tema.

Per maggiori informazioni scrivere all’indirizzo info@triesteconoscenza.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!