Doppio concerto di Sophie Zelmani dedicato a Larsson

16 Marzo 2017

PORDENONE. Sarà la cantautrice svedese Sophie Zelmani, raffinata e intimista, voce morbida capace di catturare il pubblico con le sue liriche asciutte eppure evocative a chiudere, sabato 18 marzo, il festival Dedica a Biorn Larsson. Novità nel cartellone del festival organizzato dall’associazione Thesis: il concerto, organizzato in collaborazione con Associazione Sexto-festival Sexto ‘nplugged e Bpm Concerti, sarà proposto due volte, la stessa sera, alle 20.30 e alle 22.30, nel convento San Francesco.

Sophie Zelmani

Una scelta che coniuga l’esigenza di soddisfare la richiesta del pubblico e la necessità per Sophie di proporre la sua musica in spazi più intimi e raccolti, come l’ex convento, appunto. La proposta artistica della Zelmani si caratterizza infatti per il linguaggio musicale fatto di semplicità, di pause alternate alle note: un accompagnamento essenziale e una voce morbida, che crea con gli strumenti un impasto sonoro capace di suggerire un’immediata complicità, un’atmosfera raccolta di confidenza.

Le sue liriche, complice la lezione dei grandi cantautori come Leonard Cohen, Bob Dylan, Neil Young da lei tanto amati, sono asciutte, eppure riescono ad essere evocative, ci parlano di luoghi, di sentimenti e di persone descrivendoci un mondo che lei è capace di cogliere con profonda sensibilità andando dritta all’essenza delle cose. Sophie Zelmani sarà sul palco con Lars Halapi (chitarra e tastiere), Thomas Axelsson al basso e Peter Korhonen alla batteria. I biglietti sono in vendita nel Teatro Verdi di Pordenone (info: 0434 247624, www.dedicafestival.it)

Sophie Zelmani nasce a Stoccolma il 12 febbraio 1972. A quattordici inizia a studiare chitarra e a comporre le sue prime canzoni. Dal sodalizio artistico con il chitarrista Lars Halapi nasce il primo album, l’omonimo “Sophie Zelmani” (1996), che la porta alla ribalta della scena svedese (vince due Grammy svedesi come “miglior nuova proposta” e “miglior cantante pop”) e le regala anche una certa notorietà internazionale, con ottimi riscontri in Giappone, in Europa e negli Stati Uniti. Cantautrice raffinata e intimista, vanta una discografia che comprende, oltre all’album di esordio, Precious Burden (1998), Time To Kill (1999), Sing and Dance (2002, Love Affair (2003), A Decade Of Dreams (2005), Memory Loves You (2005), The Ocean And Me (2008), I’m The Rain (2010), Soul (2012), Soul (2012), Going Home (2014), Everywhere (2014) e Bright Eyes (2015).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!