Domeniche con concerto e aperitivo al Circolo Ufficiali

14 Aprile 2018

TRIESTE. Tre concerti aperitivo per le domeniche di primavera, al Circolo Ufficiali di Trieste. Una degustazione musicale sulle fresche sonorità di talentuosi solisti e Ensemble, accompagnata, a fine concerto, dalla degustazione enologica con il brindisi offerto al pubblico da Chamber Music. Dal 15 al 29 aprile riflettori sul nuovo ciclo di concerti “Aperitivo classico: alle 11 al Circolo Ufficiali”, promosso e curato dall’Associazione Chamber Music per la direzione artistica di Fedra Florit, che introdurrà anche brevemente i concerti stessi.

La musica vissuta fuori dai luoghi “istituzionali”, come elemento centrale anche delle giornate di festa, per accompagnare di nuove suggestioni il nostro tempo libero: questa la premessa della rassegna che spazierà da una selezione di classici – come Mozart, Schumann, Chopin e Debussy – alle pagine musicali del nostro tempo, con un congedo nel segno di Astor Piazzolla e del ‘Sound di Buenos Aires’. L’ingresso è gratuito, con prenotazione consigliata allo 040 3480598, Chamber Music TS.

Sebastian Di Bin

“Aperitivo classico” aprirà domenica 15 aprile, alle 11, con il recital del pianista Sebastian Di Bin, interamente dedicato a Fryderyk Chopin in occasione del cd di recente pubblicato, con il Rondò in mi bemolle maggiore op.16 e il Notturno in si maggiore op.9 n.3 scandito da 10 Studi che evocheranno “Lirismo, passionalità e inquietudine”, stati d’animo così legati all’ascolto dell’opera del grande compositore. Domenica 22 aprile spazio al Duo Aspera con il concerto “Rarità, in un intenso dialogo a due”: Ghenadie Rotari fisarmonica e Valentina Vargiu pianoforte hanno selezionato per il pubblico di Trieste partiture originali con rilettura di Wolfgang Amadeus Mozart – Ferruccio Busoni (Fantasia in fa minore für eine Orgelwalze K.608), Robert Schumann – Claude Debussy (6 Studien in kanonischer Form op.56) e Franz Joseph Haydn (Sonata in mi bemolle maggiore op.92 Hob.XVI:52). Domenica 29 aprile il gran finale è affidato a Igor Zobin & Quartetto Chagall, con “Il sound di Buenos Aires”: Paolo Skabar e Matteo Ghione violini, Jacopo Toso viola e Ilsu Güresçi violoncello offriranno le suggestioni delle sonorità per archi, contaminandole alla musica della fisarmonica su pagine di Astor Piazzolla.

Condividi questo articolo!