Concerto dei Freevoices sabato all’Ossario di Timau

14 giugno 2018

PALUZZA. L’Ossario di Timau nacque nel 1936 per volontà del prete di allora, don Titta Bulfon, che spinse per la riconversione di un antico edificio religioso (il Santuario del Santissimo Crocifisso) a luogo per la raccolta delle spoglie dei caduti della Grande Guerra sparse nei piccoli cimiteri della Carnia. Sarà proprio in questa suggestiva cornice che sabato 16 giugno, con inizio alle 18, sarà rappresentato il recital Fronti di Guerra Fronti di pace, interpretato dal gruppo giovanile Freevoices e dall’attore Enrico Cavallero nel ruolo di voce narrante. L’evento è inserito nell’insieme delle manifestazioni del progetto La Grande Musica nella Grande Guerra promosso dall’Associazione Thomas Schippers per l’occasione in collaborazione con l’Associazione culturale InCanto di Capriva del Friuli.

Dedicato ai canti popolari della Prima Guerra Mondiale Fronti di guerra, Fronti di pace nasce dall’esperienza compiuta dal coro Freevoices nella realizzazione e messa in scena dell’oratorio profano Doppio Fronte di e con Lucilla Galeazzi e Moni Ovadia presentato al Ravenna Festival e successivamente replicato nei teatri Bonci di Cesena, Rossetti di Trieste e Verdi di Pordenone. Da questa esperienza il gruppo ha tratto l’occasione per sviluppare e approfondire un ricco repertorio di canti popolari nati nelle trincee del primo conflitto mondiale presentato, nello spettacolo, insieme a letture tratte da lettere, diari di guerra, brani di denuncia e celebri opere poetico letterarie.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!