Clavicembaliste in concerto alla Cittadella della Cultura

10 febbraio 2018

Agnes Ratkò

UDINE. Doppio appuntamento lunedì prossimo 12 febbraio per la 96ma Stagione degli Amici della Musica di Udine. Nell’intima atmosfera della Cittadella della Cultura (ex Caserma Osoppo), i clavicembali di Chiara Massini e Ágnes Ratkó risuoneranno tra suggestive note barocche. Per consentire un’ampia fruizione dell’atteso concerto e date le ridotte dimensioni della sala, il concerto sarà proposto in due turni: alle 18 e alle 20,30. In programma, il Concerto per 2 Cembali in la minore di Johann Ludwig Krebs e due capolavori di Johann Sebastian Bach: i Concerti BWV 1060 e 1061, rispettivamente in do minore e do maggiore.

Chiara Massini ha studiato a Roma, Salisburgo e Vienna, diplomandosi con lode sotto la guida di Gordon Murray ed Augusta Campagne. La sua attività concertistica, sia da solista sia in formazioni da camera, l’ha portata a suonare in prestigiosi teatri di città europee (tra cui il Musikverein di Vienna, Salisburgo, Barcellona, Roma, Berna, Innsbruck e ai Concerti del Quirinale di RadioTre), così come in rinomati Festival internazionali in Europa e Americhe.

Chiara Massini

Ágnes Ratkó si è formata a Budapest, a Vienna e in Finlandia. E’ attiva non solo come clavicembalista e clavicordista, ma anche come fortepianista. Docente all’Università di Budapest, viene regolarmente invitata a suonare in diverse formazioni da camera, tra le quali la Kammeroper di Budapest sotto la direzione di Catherine Mackintosh e Philip Pickett. Ha preso parte a numerose registrazioni radiofoniche e discografiche.

La stagione degli Amici della Musica è realizzata grazie al contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Fvg, della Fondazione Friuli e del Comune di Udine, con il patrocinio di Osce e Plovidiv Foundation e il sostegno della Banca di Udine Credito Cooperativo, accanto alle già consolidate sinergie con l’Università di Udine, l’Ert, la Fondazione Renati, la Società Filologica Friulana, l’Unesco e Tx2.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!