Bestiario Immaginato il teatro che coinvolge la comunità

21 Marzo 2018

COLLOREDO DI MONTE ALBANO. Torna per la quarta edizione Bestiario immaginato, festival partecipato per un’azione teatrale di comunità. A partire dalle 20.45 di venerdì 23 marzo le località saranno Colloredo di Monte Albano, Fagagna e Remanzacco.

“Ogni pubblico è l’artefice del proprio teatro” diceva Jean Villar e nel caso di Bestiario Immaginato, questa affermazione diventa vera in tutti i sensi. Stiamo parlando del festival culturale che ogni anno coinvolge 7 territori della nostra regione con esperienze inedite di teatro sociale che nascono e si sviluppano dall’immaginario dei bambini e dove tutta la comunità è parte integrante del processo di creazione e componente essenziale dell’opera teatrale. Il teatro diventa così occasione di incontro tra cittadini accomunati dal desiderio di conoscere e di conoscersi, a partire dall’inventiva dei più piccoli.

Per la sua quarta edizione Bestiario Immaginato ha scelto di puntare sul teatro visivo, emozionante e immersivo che ben restituisce la poetica delineatasi nelle precedenti rassegne e che vede la collaborazione di un team poliedrico proveniente da diverse discipline dell’arte multimediale. Quest’anno gli eventi finali saranno Bestie nei muri, tre rappresentazioni di video mapping, nuova frontiera dell’arte e della tecnologia che consiste nel proiettare animazioni su grandi superfici ottenendo veri e propri spettacoli digitali in 3D. Immagini, video e giochi di luce che ‘animano’ la realtà dando vita ad atmosfere intense e coinvolgenti.

Sono sempre quattro le ‘fasi’ che la manifestazione percorre: un momento di incontro e formazione per gli insegnanti, i laboratori con i bambini delle scuole, i laboratori teatrali di comunità aperti alla cittadinanza e gli eventi finali a cui partecipa nella doppia veste di spettatore/attore, tutta la collettività. Ancora una volta i Comuni di Colloredo di Monte Albano, Fagagna, Moruzzo, Pagnacco, Remanzacco, San Vito di Fagagna e Tavagnacco hanno scelto Bestiario Immaginato come pratica culturale che punta sulla relazione e la condivisione. La formazione e la direzione scientifica è stata affidata a Francesca Gentile dell’Università Cattolica di Milano, la cui équipe studia da anni il teatro sociale e di comunità, mentre Gek Tessaro, uno tra i maggiori illustratori in Italia, ha messo in scena per i bambini delle scuole il suo teatro disegnato, spunto e fonte di ispirazione per i disegni e per i laboratori di comunità che gli esperti di Damatrà stanno curando in tutti i territori coinvolti, insieme ai giovani talenti dell’arte multimediale.

Il Bestiario sta quindi prendendo la sua forma: la collezione di animali nati dalla fantasia dei più piccoli diventerà viva grazie all’animazione dei disegni in digitale e nella magia data dal buio, alle 20.45 venerdì 23 marzo nell’ala ovest del piazzale del Castello a Colloredo di Monte Albano, sabato 24 nella corte interna del palazzo del Municipio a Fagagna e domenica 25 nel parco Broilo Perosa a Remanzacco queste grandi sculture di luce abiteranno questi spazi sviluppando atmosfere e scenografie bizzarre e poetiche e interagendo con le persone sotto la sapiente regia di Yevgeni Mayorga della compagnia teatrale spagnola Lluvia Horinzontal e dei visualperformer Federico Petrei e Roberto Ranon.

Il risultato? Un gigantesco Bestiario Immaginato che si anima, si colora, si racconta e conferma il valore di un progetto intorno a comunità che vogliono costruire insieme la qualità della propria vita sociale. Come ogni anno, grazie alle partnership internazionali, laboratori e spettacoli circuiteranno nell’ambito di rassegne dedicate in Croazia, Slovenia e Spagna e l’intero percorso sarà anche al centro di un corso di formazione rivolto agli studenti dell’ISIS S. Pertini di Monfalcone per trasferire competenze e buone pratiche coinvolgendo attivamente i giovani studenti delle materie sociali.

Condividi questo articolo!