Alla frutta, teatro-canzone al Castello di Torre (Pordenone)

4 Febbraio 2019

PORDENONE. Indizi del teatro che verrà: teatro d’innovazione protagonista a Pordenone grazie alla rassegna Codici Sperimentali, nuova proposta del Coordinamento Operatori Teatrali Pordenone. Sul palco dell’ex convento di San Francesco a Pordenone proporrà fino alla prossima primavera spettacoli strutturati su tre livelli. Uno nazionale, uno locale professionale e l’ultimo sempre locale ma di “start up”, con compagnie ai primi passi ma già promettenti. Dal 5 febbraio al via la terza parte della rassegna, con 6 spettacoli fino al 21 marzo e tra questi anche uno speciale appuntamento per la Giornata mondiale della Commedia dell’Arte il 25 febbraio.

Codici Sperimentali è una iniziativa del Coordinamento Operatori Teatrali Pordenone, una associazione di persone a vario titolo impegnate nel campo del teatro, aperta a qualsiasi nuova adesione. Sostenuta dalla Regione e dal Comune di Pordenone, si preoccupa di selezionare nuove drammaturgie significative dal punto di vista della capacità di rappresentanza sociale. Oltre alla sezione start c’è una sezione di artisti conclamati della regione, e una sezione che presenta alcune realtà intriganti del nuovo teatro nazionale e internazionale.

Si parte martedì 5 febbraio alle 21 con l’evento speciale alla Bastia del Castello di Torre di Pordenone. Alessio Pollutri sarà in scena con Alla Frutta teatro-canzone (di e con Alessio Pollutri per la regia di Giuseppe Vetti). Siamo tutti “alla frutta”, dicono giornali e tivù, vendendo di più. E se invece la frutta, come dice la sua etimologia, fosse anche stavolta una faccenda da “fruire”, da godere?… Sorprendente, coraggioso, convincente, sfrontato: così la critica a proposito di uno spettacolo che rinnova in chiave demenziale e minimalista il Teatro-Canzone. Alessio Pollutri padroneggia tanto l’arte attoriale quanto quella musicale, giocando tra la fragilità e l’impossibile, come al Circo. In equilibrio tra la fine e l’inizio, tra la comicità e la poesia, tra la speranza e la disillusione, la frutta diventa canzone e ci in-trattiene nel nostro precipitare…

Alessio Pollutri nasce e vive come circense e ogni giorno pratica l’impossibile, la fragilità lo status di pagliaccio. Così affronta l’urgenza di dire la sua per star bene al mondo e godersi il comune trapassare. Co-creatore della compagnia di nuovo circo Madame Rebiné (dal 2011), con essa ha realizzato diversi spettacoli di successo: l’ultimo, novità 2018, è Giro della Piazza. Pubblica anche romanzi.

“Alessio Pollutri – spiega Ferruccio Merisi del Coordinamento – non è esattamente uno sconosciuto; semmai fa parte della categoria dei front men che affiancano l’impegno in un gruppo con qualche avventura personale. Il gruppo di Pollutri è Madame Rebiné, una compagnia di nuovo teatro circo, molto stimata tra gli amanti del genere, ma famosa anche al grande pubblico a causa di una tournée come avanspettacolo d’apertura per i concerti dei Tre Allegri Ragazzi Morti. Madame Rebiné, assieme ad Alessio Pollutri, schiera altri due ragazzi italiani, ma a lungo la compagnia è stata residente in Francia, a Tolosa, tanto da essere considerata spesso una compagnia francese.

Codici Sperimentali presenta “Alla Frutta” alla bastia del Castello di Torre, spazio perfetto per un concerto dai volumi moderati, quasi un vero e proprio club. Questa scelta esprime anche una sezione particolare della rassegna di innovazione; sezione dedicata agli spazi “di qualità” dei quartieri di Pordenone, ovvero a sale adatte alla valorizzazione di espressioni artistiche e culturali in genere. Questa sezione, di tre appuntamenti, è iniziata con Aida Talliente nell’aula magna della Madonna Pellegrina, prosegue con Alessio Pollutri a Torre, e si concluderà il 17 marzo con il Circo Pacco alla sala Sacro Cuore del quartiere Nord”.

PROSSIMI SPETTACOLI
Ecco gli altri appuntamenti in programma all’ex convento di San Francesco a Pordenone. Martedì 12 febbraio, ore 21Artivarti (Italia) / Compagnie Ad Hoc (Francia) presentano C’est la vie con Max Bazzana, Martina Boldarin, Benoit Roland, Stefano Rota, Regia di Matteo Destro da un’idea di Lara Tonello. Mercoledì 20 febbraio ore 21 Tarassaco Teatro presenta Il Giuocatore di Carlo Goldoni, adattamento e regia di Silvio Barbiero. Lunedì 25 febbraio ore 21 per la Giornata Mondiale della Commedia dell’Arte con la torta del suo 474° compleanno La Gazza Ladra / Il Castello Errante presentano La Commedia in barca, di porto in porto per terre e per acque con Ospiti a Bordo. Domenica 17 marzo ore 17 Circo Pacco presenta Paccottiglia De Luxe spettacolo di circo clownesco non-contemporaneo di e con Alessandro Galletti e Francesco Garuti. Giovedì 21 marzo ore 21 Festa finale Jashgawronsky Brothers presaentano Uno Dos Trash – Concerto-teatro-sberleffo Di Diego Carli Con Brother Pavel, Brother Suren, Brother Richard.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!