Web, bambini a rischio

14 Marzo 2014

UDINE. “Una eccessiva frequentazione delle rete può  dare problemi; i primi sintomi di dipendenza dalle tecnologie si sviluppano nei ragazzi in giovanissima età”. L’allarme lo ha lanciato la dott.ssa Serena Valorzi intervenuta alla terza lezione della Scuola per Genitori organizzata da Confartigianato Udine e Fondazione Crup, all’Auditorium Erdisu di Udine. Parlando degli “affetti e dei pensieri dei ragazzi nell’area digitale” la psicoterapeutica ha illustrato l’impatto cognitivo ed emotivo delle nuove tecnologie sui ragazzi.

“La rivoluzione digitale – ha spiegato – ha influenzato gli stili di vita, di comunicazione, di socializzazione e di apprendimento, ponendo nuove sfide alle famiglie e alle scuole. Genitori e insegnanti si trovano a crescere i cosiddetti “nativi digitali”, ovvero generazioni di bambini che in tenera età utilizzano in modo naturale, veloce e spontaneo gli strumenti tecnologici. A volte li scoprono autonomamente, senza che nessuno gliene spieghi pericoli e potenzialità, senza che qualcuno ne regolamenti l’esplorazione. Anzi, accade di frequente che siano i figli a spiegare ai genitori come si usa qualche funzione di un particolare telefono cellulare piuttosto che di un programma per computer”.

Ma come sempre le tecnologie non sono né buone né cattive: dipende dall’uso che se ne fa. “Le tecnologie – ha spiegato Valorzi – vanno usate in maniera corretta, consapevole e responsabile, cercando di accompagnare i bambini nell’esplorazione del mondo digitale. L’impatto cognitivo non permette al bambino di sviluppare emozioni e pensieri, conseguentemente essi presentano difficoltà di modulazione emotiva e di capacità relazionali”.

La quarta lezione si terrà giovedì 27 marzo, con Daniela Lucangeli che illustrerà “Lo sviluppo e il potenziamento dell’autostima”. L’ultimo appuntamento è invece previsto per martedì 29 aprile con don Antonio Mazzi che chiuderà il V ciclo con la lezione “Come salvare un figlio dopo averlo rovinato”. Chi volesse iscriversi alle singole serate può farlo direttamente on-line sul sito scuolagenitori.confartigianatoudine.com.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!