Tutto esaurito a Sacile per l'Antiquario di Goldoni

22 Gennaio 2014

SACILE. Applausi al Piccolo Teatro Città di Sacile per il riuscito week-end dedicato al debutto “in casa” sul palcoscenico del Teatro Ruffo de “LA FAMIGLIA DELL’ANTIQUARIO”, commedia con la quale la Compagnia torna dopo più di un decennio a confrontarsi con il teatro di Carlo Goldoni. Poltrone praticamente esaurite venerdì scorso e ottima presenza di pubblico anche sabato sera per la seconda recita, con l’intermezzo di una gremitissima matinée presentata agli studenti degli Istituti Superiori della città, in collaborazione con l’Amministrazione comunale: questi innanzitutto i numeri dell’iniziativa, che ha catalizzato l’attenzione di circa ottocento spettatori per una due giorni a tutto Teatro.

PiccoloTeatroSacile_FamigliaAntiquario11Ottima anche l’accoglienza della platea di fronte ad un allestimento che per la Compagnia rappresenta un’assoluta novità, con i suoi riferimenti precisi al teatro delle maschere e alla Commedia dell’Arte – supportata dalla collaborazione artistica della Scuola Sperimentale dell’Attore di Pordenone, diretta da Ferruccio Merisi e Claudia Contin – e la complessità di un copione denso dal punto di vista della scrittura e corale nell’equilibrio drammaturgico dei personaggi. Uno spettacolo dunque riuscito e divertente, molto apprezzato dal pubblico, secondo i giudizi affidati alle schede di “Vota il suo Scenario”, anche per l’elegante realizzazione di scene, costumi e disegno luci, oltre che per la puntuale e fantasiosa regia di Filippo Facca.

Dopo l’intermezzo goldoniano, venerdì 24 gennaio “Scenario” prosegue con una serata esilarante, che porterà per la prima volta a Sacile il gruppo Oberon Teatro di Montebelluna. In scena “IL MISTERO DELL’ASSASSINO MISTERIOSO”, commedia uscita dalla surreale vena comica di Lillo e Greg e diventata ormai un “classico” della comicità contemporanea. Inizio spettacolo alle 21. Info e prenotazioni ai recapiti di segreteria del Piccolo Teatro: tel. 366 3214668 (da lunedì a venerdì in orario 17-19) oppure mail: malgari@tin.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!