Tributo alla forza del teatro

15 Marzo 2014

MONFALCONE. La stagione di prosa del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, lunedì 17 e martedì 18 marzo alle ore 20.45, con Servo di scena, fra le opere più celebri di Ronald Harwood (che curò anche l’adattamento cinematografico dell’omonimo film di culto di Peter Yates, interpretato da Albert Finney) e pièce ritagliata sulla figura di un attore di grande carisma. A vestire i panni di Sir Ronald, l’attore shakespeariano un tempo osannato dalle folle e dalla critica ma ormai al tramonto, è lo straordinario Franco Branciaroli (che firma anche la regia dello spettacolo), mentre Norman, il suo umile servo di scena, alle cui cure e attenzioni è affidata la sua sopravvivenza, è interpretato da Tommaso Cardarelli. Prodotto dal Teatro Stabile di Brescia e dal Teatro de Gli Incamminati, Servo di scena, qui nella traduzione di Masolino D’Amico, vanta le scenografie e i costumi di Margherita Palli e il disegno luci di Gigi Saccomandi.

CTB SERVO DI SCENAAppassionato omaggio al teatro e alla sua gente, Servo di scena racconta con tono ironico le rocambolesche vicende di una compagnia inglese di provincia che, eroica e spericolata, resiste ai bombardamenti nazisti (siamo nel 1940) e quelle del suo vecchio capocomico, un non meglio identificato “Sir”. Colpito da malore proprio alla vigilia della prima del Re Lear, Sir sembra sul punto di dare forfait: non solo ha dimenticato quasi tutte le battute del testo, ma perfino quale testo deve essere rappresentato. Norman, il suo fedele servo di scena, non concepisce che non si possa alzare il sipario. Dopo numerosi, esilaranti contrattempi, al termine dello spettacolo, mentre gli altri attori se ne vanno a casa, il buon Norman rimane ad assistere il vecchio attore. Sir, sentendo di essere in punto di morte, gli consegna la propria autobiografia, una specie di testamento spirituale in cui ringrazia tutti i membri della compagnia, lodandoli uno per uno, dal primo all’ultimo, tranne – guarda caso – proprio il suo servo di scena.

Omaggio all’Inghilterra e a Shakespeare, Servo di scena è soprattutto un inno al teatro, alla sua capacità di resistere in tempi difficili, alla sua insostituibilità. Nella figura del servo Norman trapela la ragione profonda della sua forza: il teatro è invincibile perché non ha padroni, non cerca ricompense; è invincibile perché la ragione profonda della sua esistenza sta nella sua gratuità.

I biglietti sono in vendita presso la Biglietteria del Teatro (da lunedì a sabato, ore 17-19), l’agenzia Ticketpoint di Trieste, la Libreria Antonini di Gorizia, l’ERT di Udine e on line sul sito www.pointticket.it. La Biglietteria del Teatro (tel. 0481 494 664) accetta prenotazioni telefoniche.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!