Suns Europe 2015, la vitalità delle lingue minoritarie

17 Novembre 2015

UDINE. Il Friuli diventa il centro dell’Europa «unita nella diversità». Dal 25 novembre al 12 dicembre è infatti in programma a Udine ed in una serie di altre località friulane (Cividale, San Vito al Tagliamento, Casarsa, Cormons, Maniago, Rivignano) SUNS EUROPE 2015, l’unico Festival europeo delle arti performative in lingua minoritaria. L’iniziativa sarà presentata nel corso di una Conferenza stampa mercoledì 18 novembre, ore 11.30, a Udine, Palazzo della Regione (Sala Pasolini). Vi partecipano: l’Assessore regionale alla cultura, sport e solidarietà Gianni TORRENTI; Paolo CANTARUTTI presidente di Informazione Friulana, capofila del progetto SUNS Europe; Lorenzo FABBRO Presidente di ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane -Agenzia regionale per la lingua friulana); Marco Tullio PETRANGELO, Direttore generale di Agenzia TurismoFVG; Federico PIRONE, Assessore al Turismo e alla Cultura del Comune di Udine; Fabiano ROSSO, CEC – Centro Espressioni Cinematografiche; Leo VIRGILI, Radio Onde Friulane; Maurizio MATTIUZZA di Bottega Errante; Valter COLLE Il Laboratorio, curatore degli eventi speciali.

Il festival, nato a Udine nel 2009, ritorna e dà vita quest’anno a una nuova rassegna che allarga il suo sguardo su tutta l’Europa. In tre settimane la manifestazione – che prende il nome dalla parola friulana Suns, «suoni» – offrirà un ricco campionario della vitalità culturale e della pluralità espressiva delle produzioni cinematografiche, letterarie e musicali contemporanee realizzate nelle lingue delle minoranze linguistiche e delle nazionalità d’Europa, con autori, film, musicisti e operatori provenienti da diverse aree del continente, dal Paese Basco alla Karelia, dalla Corsica alla Lapponia, dal Friuli alla Galizia, dall’Occitania al Bashkortostan, dal Galles ai Grigioni, dalla Bretagna alla Ladinia, dai Paesi Catalani alla Groenlandia e all’Irlanda.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!