Italia longobarda, il film

29 Gennaio 2014

longoCIVIDALE. Sarà presentato ufficialmente venerdì 31 gennaio, alle 20.30, nel Centro San Francesco, a Cividale, “L’Italia dei Longobardi”. Si tratta di un film-documentario che ripercorre, attraverso il racconto della “Historia Langobardorum” di Paolo Diacono, e attraverso interviste a eminenti storici, archeologi, storici dell’arte e testimonial d’eccezione, i sette luoghi italiani della cultura longobarda inseriti nella World Heritage List Unesco come sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”. Per la regia di Eugenio Farioli Vecchioli, il video è risultato primo classificato alla XXIV edizione della Rassegna internazionale del cinema archeologico di Rovereto, il più importante festival di cinema archeologico italiano e tra i maggiori in Europa. 

Il documentario permette di conoscere luoghi di grande fascino e grande interesse storico a livello internazionale, partendo dagli stucchi e dagli intarsi raffinati nel Tempietto di Cividale, passando per l’affascinante unicum pittorico degli affreschi della chiesa di Santa Maria foris portas a Castelseprio (Varese), le testimonianze di un nuovo ordine urbano e monumentale che cambia completamente i connotati della città romana, a Brescia; la fascinazione per l’antichità classica nel Tempio di Campello sul Clitunno (Perugia); la sapiente armonia di stili nell’architettura unica di San Salvatore a Spoleto, in Umbria; gli echi del mondo bizantino di Santa Sofia a Benevento, nell’Italia centro meridionale; la valorizzazione dell’antico culto di San Michele a Monte Sant’Angelo, in Puglia. Tutti segni della profonda trasformazione che avviene in Italia nei due secoli della dominazione longobarda, tra il 568 e il 774 d.C.

Programma della serata

Cividale - Tempietto Longobardo - Stucchi - dettaglio grappoli d'uvaIl programma della serata, a ingresso libero, prevede la proiezione del film e gli interventi del sindaco di Cividale, Stefano Balloch; del direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale MiBact, Anna Maria Buzzi; del presidente della Commissione nazionale italiana per l’Unesco e rettore della Iulm, Giovanni Puglisi; del coordinatore del laboratorio “Archeoframe” e responsabile del progetto, Luca Peyronel, e del regista del film Eugenio Farioli Vecchioli. Modera il giornalista de Il Gazzettino, Francesco Antonini.

Si ringraziano per la collaborazione la Parrocchia di Santa Maria Assunta, il Museo Cristiano e Tesoro del Duomo e il Museo Archeologico Nazionale di Cividale.

Il filmato, finanziamento dal MiBAC è stato prodotto dall’Associazione Italia Langobardorum, quale struttura di gestione del sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” iscritto dal 25 giugno 2011 nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco e realizzato in partenariato con Archeoframe, Laboratorio di Valorizzazione e Comunicazione dei Beni Archeologici dell’Università IULM di Milano.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!