Il ritorno dei Nosisà

7 Luglio 2014

NosisàFIUMICELLO. Lunedì 7 luglio saranno i Nosisà sul palco a Papariano per Folkest 2014. Quattro anni sono passati dall’ultimo lavoro discografico, “Neri Cjarbon”, nero carbone, nero come la notte, nero come l’Africa, nero come un suono lontano. I Nosisà sono di nuovo in scena, pronti a stupire ancora chi li ha amati, cantati, seguiti e abbandonati. Se volete saranno luce e colore, un raggio di calore in un mondo nero carbone… Così si erano ripresentati al loro pubblico a distanza di un bel po’ di anni dal loro ultimo disco, “Liende”, sempre per l’etichetta FolkestDischi. Eccoli nuovamente tra noi con il loro suono compatto, con una cifra stilistica che conferisce ulteriore valore all’elevato tasso tecnico dei singoli musicisti, che fanno di questa formazione una delle grandi realtà della musica friulana.

FIUMICELLOPapariano (in friulano Paparian) è una frazione del comune di Fiumicello che ha visto riconosciuta la propria identità quando nel 1937 veniva benedetta la prima pietra della chiesa dedicata a Maria S.S. Regina. L’edificio, semplice e raccolto, fu realizzato per la tenacia di due parroci, con il denaro e il lavoro di tutta la comunità di Papariano, in cui, dopo la soppressione della chiesetta gentilizia della famiglia Andriani, voluta da Giuseppe II, non esistevano luoghi di culto. Fiumicello, nato come borgo agricolo della prospera colonia romana di Aquileia, deve il suo nome al vocabolo latino “flumen” ed è citato per la prima volta (Fiumisèl) in un atto del 1174. La sua storia è intimamente legata a quella di Aquileia: con essa subisce le devastanti invasioni degli Unni, dei Visigoti, degli Ostrogoti, degli Avari e dei Longobardi; con essa vede l’avvento del Cristianesimo e la costituzione della potenza patriarcale.

INGRESSO LIBERO

Prossimo appuntamento martedì 8 luglio ore 21,15 a Travesio (piazza XX settembre) con il concerto di Vruja (Istria).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!