Il “muto/sonoro” di Hitchcock

5 Dicembre 2013

GEMONA. Reduce da una lunga serie di successi dentro e fuori regione, arriva finalmente anche in provincia di Udine, al Cinema Sociale di Gemona, venerdì 6 dicembre alle 21, “Zerorchestra Plays Alfred Hitchcock”, vale a dire la magia dell’ultimo film muto di Alfred Hitchcock, Blackmail (Ricatto; 1929), accompagnato dal vivo dalla Zerorchestra. La serata, realizzata grazie al sostegno della Regione, è organizzata dalla Cineteca del Friuli in collaborazione con Cinemazero, le due anime delle Giornate del Cinema Muto. Proprio alle Giornate lo spettacolo aveva esordito nel 1999, in occasione della retrospettiva dedicata al maestro del brivido, mentre l’ultima edizione del festival ha celebrato l’affascinante attrice ceca Anny Ondra, protagonista del film accanto a John Longden e a Cyril Ritchard.

Anny Ondra

Anny Ondra

Thriller carico di sensualità, Blackmail apre la grande stagione dei capolavori hitchcockiani. La trama, basata su una commedia di Charles Bennett, si sviluppa attorno al motivo del senso di colpa e della vera responsabilità, un tema su cui il regista tornerà a più riprese. La storia è quella di Alice, una giovane e attraente ragazza fidanzata con Frank, un poliziotto di Scotland Yard. Una sera i due litigano e la donna accetta la corte di un pittore, che la invita a casa sua a posare per lui. Ma l’innocente visita si trasforma in un incubo.

zerorchestra_05Nata nel 1995 e specializzata nell’accompagnamento dal vivo di film muti, la Zerorchestra riunisce alcuni dei migliori musicisti – di estrazione jazzistica e non – del territorio pordenonese. L’ensemble, che eseguirà musiche originali composte da Saverio Tasca e Romano Todesco, si presenta per questo evento con 12 elementi: Bruno Cesselli (pianoforte), Gaspare Pasini (sax), Didier Ortolan (clarinetti), Giovanni Sperandio (oboe), Andrea Liani (corno francese), Paolo Dalla Pietà (flauti), Lorenzo Marcolina (clarinetti), Maurizio Cepparo (trombone), Federico Cumar (trombone), Romano Todesco (contrabbasso), Gabriele Rampogna (batteria) e Luca Grizzo (percussioni). Alla conduzione Saverio Tasca.

Per espressa volontà di Hitchcock, che convinse i produttori a sonorizzarlo girando pure alcune scene ex novo, esiste anche una versione sonora di Blackmail, che è dunque contemporaneamente l’ultimo muto e il primo film parlato del regista nonché di tutto il cinema britannico. A questo proposito vale forse la pena ricordare il commento del critico inglese John Russell Taylor, profondo conoscitore dell’opera di Hitchcock e suo amico, dalla scheda che scrisse per il catalogo delle Giornate ‘99: “La versione muta, meno audace, nell’insieme funziona meglio. La versione sonora è apprezzabile per le ambizioni, quella muta per i risultati”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!