Giovedì con gli Inti-Illimani

4 Agosto 2015

PORDENONE. Sarà una giornata dedicata agli Inti–Illimani il giovedì 6 agosto dell’Estate in Città a Pordenone. Il celebre gruppo simbolo della musica cilena, infatti, sarà in concerto alle 21.15 in piazza XX Settembre in collaborazione con Folkest per presentare il proprio nuovo disco Teoria de Cuerdas. E sarà anche presente alle 18 in Biblioteca Civica per un incontro con il pubblico, nel corso del quale verrà anche proiettato il video documentario di Francesco Cordio Dove cantano le nuvole, il film che racconta la storia quarantennale del gruppo attraverso alcuni momenti musicali dal vivo e le interviste ai componenti della band di oggi. Si potrà così riconoscere il filo conduttore della storia degli Inti-Illimani, ma anche la chiave di svolta che ha permesso al gruppo di rinnovarsi nel corso di un lungo percorso professionale, dimostrando che la musica rimane la forma più immediata di trasmissione culturale e che le culture possono essere sradicate dalla loro terra d’origine, ma non possono perdersi.

inti-studioAd aprire il concerto degli Inti-Illimani alle 21.15 in piazza XX Settembre (al Deposito Giordani in caso di maltempo, biglietti acquistabili sul sito www.folkest.com oppure in biglietteria la sera del concerto) sarà il gruppo Capitano tutte a noi (Valentina Ius, Pino Dipaola, Felice Bellucci Beniamino De Piccoli, Paolo Galofaro, Tiziano Grendene, Domenico Ballancin, Alan Pavic) formazione musicale nata all’interno di un progetto della Cooperativa sociale Itaca, per il quale la musica diventa strumento di crescita individuale, luogo di confronto in cui sperimentare la conoscenza dell’altro, senza pregiudizi, impegnandosi nel sostegno di diritti e valori come la vicinanza, la fratellanza, l’aiuto reciproco al di là di ogni confine etnico, stigmatico, religioso, fisico, sociale, sessuale, culturale o di qualsiasi altro genere.

Dopo la presentazione in Cile del loro nuovo disco Teoria de Cuerdas, per gli Inti-Illimani è stato più che normale pensare di venire al più presto in Italia a presentarlo ad amici e fan. Quell’Italia che li accolse durante un esilio e li vide diventare straordinariamente famosi nella loro riconosciuta seconda patria. Sul palco: il fondatore Jorge Coulon (guitara, tiple, percussioni, voce) con il fratello Marcelo (chitarra, vientos, percussioni e voce), Daniel Cantillana (violino, mandolino, percussioni e voce), Efrén Viera (clarinetto, sassofono, percussioni e voce), Manuel Meriño (chitarra, tiple, percussioni e voce), Juan Flores (vera e propia legenda vivente della musica andina: charango, cuatro, ronrroco, chitarra, voce, percussioni), César Jara (chitarra voce e percussioni), Camillo Lema (contrabbasso), Christian González (flauti, sassofono, percussioni e voce).

Ambasciatori indiscussi della cosiddetta Nueva Cancion Chilena prima e di una personalissima interpretazione della world music andina poi, gli Inti Illimani sono presenti da quattro decenni nell’immaginario collettivo degli amanti della musica delle radici in Italia e in tutto il mondo, Cile compreso, dove sono tuttora una band capace di riempire gli stati e i teatri di tutto il Paese, dimostrando un eccezionale seguito popolare e l’incondizionato plauso della critica.

Uno spettacolo-evento ad hoc, finalizzato a dimostrare al pubblico italiano la gratitudine per il costante successo fatto registrare in tutti questi anni: in equilibrio fra passato e presente, la loro esibizione condurrà lo spettatore in un viaggio attraverso il tempo e lo spazio, teso fra la dimensione del ricordo e quella dell’attualità, che li vede emergere ancor oggi come una delle band più importanti della scena world mondiale.

Condividi questo articolo!