Craxi-Berlusconi, un dibattito

3 Gennaio 2014

CORTINA. Uno squarcio su trent’anni di storia italiana. Cosa ne pensano un politico del calibro di Claudio Martelli, a lungo considerato il delfino di Bettino Craxi, e un grande storico dell’Italia contemporanea come Giovanni Orsina del legame carismatico tra Craxi e Berlusconi? A Cortina d’Ampezzo, un incontro di eccezione: Martelli e Orsina, autori rispettivamente di Ricordati di vivere (Bompiani) e Il berlusconismo nella storia d’Italia (Marsilio) saranno ospiti di Una montagna di libri, la rassegna protagonista della stagione letteraria di Cortina. Appuntamento sabato 4 gennaio, alle 18, all’Alexander Girardi Hall di Cortina. Conduce Francesco Chiamulera, responsabile Una Montagna di Libri.

copertina_orsina_Small martelli_SmallClaudio Martelli, milanese, è stato assistente di filosofia, amico ed emulo di Craxi di cui era considerato il delfino, deputato italiano ed europeo, Ministro della Giustizia e Vicepresidente del Consiglio dei Ministri nei primi anni Novanta. Promotore dei referendum sulla giustizia giusta e sul nucleare, ha varato la prima legge sull’immigrazione e con Giovanni Falcone le principali leggi anti mafia. Da tempo vive a Roma dove scrive e dove lavora come autore e conduttore televisivo.

Giovanni Orsina (Roma, 1967) è docente di Storia contemporanea e vicedirettore della School of Government all’Università Luiss «Guido Carli». È direttore scientifico della Fondazione Luigi Einaudi di Roma. È autore di saggi, come Senza Chiesa né classe (1998) e Anticlericalismo e democrazia (2002). Ha curato, con G. Quagliariello, La crisi del sistema politico italiano e il Sessantotto (2005). Con Marsilio è autore di L’alternativa liberale. Giovanni Malagodi (2010) e di Il berlusconismo nella storia d’Italia (2013).

Il successivo appuntamento sarà domenica 5 gennaio, alle 18, al Miramonti Majestic dove Antonio Caprarica presenta “Il romanzo dei Windsor”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!