Concerti come aperitivo

30 Giugno 2012

PORDENONE. Cominciano il primo luglio i Concerti aperitivo dell’Estate in Città a Pordenone, realizzati in collaborazione con il Conservatorio di Udine, che quest’anno “sposano” l’arte moderna e contemporanea, la cui galleria PArCo, (in via Dante 33), li accoglierà tutte le domeniche alle 11. Ad aprire il concerto sarà il giovane tenore Omar Siega con due note Romanze da salotto del più celebre autore del genere, Francesco Paolo Tosti (maestro di canto a Londra, alla corte della regina Vittoria e del re Edoardo VII): Non t’amo più e Malia. Moltissime Romanze di Tosti sono entrate nel repertorio da concerto dei più grandi cantanti lirici del Novecento per la bellezza melodica e la costante ricerca di innovative soluzioni nell’accompagnamento pianistico. Di seguito Siega sarà Alfredo nella celeberrima aria de La traviata che apre l’atto secondo, esultante per l’amore di Violetta Valery; concluderà con la canzone in due strofe sull’amore libertino, La donna è mobile, dal Rigoletto, sempre accompagnto al pianoforte da Chiara Piomboni.

La pianista Elisa Rumici – una delle più promettenti allieve del “Tomadini”, dotata di una musicalità riflessiva e profonda e di un’energia tecnica rara per la sua giovane età – eseguirà Étude pour les sonorités opposées di Claude Debussy, per la cui splendida esecuzione ha conquistato il primo premio categoria D alla prima edizione del Concorso “Memorial Oreste Rosso” di Martignacco, assieme al Preludio Les collines d’Anacapri del medesimo autore. Di Chopin ha invece scelto la La Sonata in si bemolle minore op. 35, divenuta celebre per il suo terzo movimento, la Marcia funebre, che è una delle pagine della letteratura pianistica ottocentesca (in genere Sonate o cicli di Variazioni), che rappresentanti un momento di passaggio obbligato e, assieme, la meta più ardua e ambita per ogni pianista, in virtù delle estese proporzioni architettoniche, del notevole virtuosismo e dei colori “orchestrali” richiesti allo strumento da tutti i grandi dell’Ottocento, da Beethoven a Schubert, Schumann, Chopin, Liszt e Brahms.

Significativa sarà l’esibizione del violinista Stefano Cascioli, poiché eseguirò un brano inedito di propria composizione. I brani per violino solo infatti poco frequenti nella musica contemporanea (il più celebre è senz’altro la Sequenza VIII di Luciano Berio) ed in genere esplorano doti virtuosistiche fuori dal comune sonorità ed effetti timbrici inediti. L’ingresso è libero.

Alle 16.30 l’Archeomuseo di Torre propone una visita guidata gratuita a cura di Eupolis. Si potranno così scoprire i tanti tesori custoditi dal Museo Archeologico, che svelano la vita dei più antichi insediamenti umani sul nostro territorio. Un viaggio affascinante che parte dalla preistoria (dal Paleolitico medio al Neolitico e al Bronzo antico, con i materiali del Palù di Livenza, nuovo sito Unesco) e arriva alla protostoria (età del Ferro e Romanizzazione)per arrivare alla ricostruzione delle stanze affrescate della vicina Villa Romana. Nel parco circostante si possono inoltre visitare le opere di Humus Park.

Alle 20.45, tutti assieme appassionatamente in Piazza XX Settembre per vedere la finale Italia-Spagna sul megaschermo.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!