Capodanno in musica

29 dicembre 2011

Il Natale in Città del Comune di Pordenone offre per il Capodanno un doppio appuntamento, per festeggiare fine e inizio del nuovo anno nel modo migliore: classico, in teatro con il concerto della Mav Symphony Orchestra Budapest e vintage con brio, in piazza, con Bobby Solo, Andro Merkù, Zellaby e fuochi d’artificio.

L’appuntamento al Teatro Verdi con la XXXII edizione del Concerto di Fine Anno – a cura di Centro Iniziative Culturali Pordenone, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Comune di Pordenone, con il concorso di Banca di Credito Cooperativo Pordenonese, Presenza e Cultura, Università della Terza Età di Pordenone e Centro Culturale Casa A. Zanussi di Pordenone – è alle 16. Protagonista sarà la Mav Symphony Orchestra di Budapest, diretta da Maffeo Scarpis, che eseguirà musiche di M. Glinka, A. Ponchielli, F. von Suppè, F. Liszt, J. Brahms e J. Strauss.

Mav Symphony Orchestra è stata fondata nel 1945 dalle Ferrovie dello Stato ungheresi, una delle più grandi società in Ungheria. Costituita da novanta musicisti professionisti è attualmente tra le migliori orchestra ungheresi. Negli ultimi decenni ha sviluppato un vasto repertorio di composizioni barocche fino ad opere di compositori contemporanei, organizzando i propri concerti in abbonamento nelle sale più prestigiose di Budapest: la Liszt Music Academy e il Palazzo delle Arti, e partecipando ai festival artistici più rinomati in Europa e al Festival di Primavera di Budapest. E’ stata diretta da prestigiose bacchette: János Ferencsik, Lamberto Gardelli, Kobayashi Ken-Ichiro, Franco Ferrara, Uri Mayer, Hans Swarowsky, Carlo Zecchi, Moshe Atzmon, Kurt Masur, Herbert Blomsted, James Levine, Irwin Hoffman e Yuri Simonov, solo per citarne alcuni. Molti i solisti di fama con cui ha collaborato: Luciano Pavarotti, Placido Domingo, José Carreras, Kiri Te Kanawa, Lucia Aliberti, Lazar Berman, Jeanne-Marie Darré, Endre Gertler, Tsuyoshi Tsutsumi, Ruggiero Ricci, David Geringas, Jevgeni Bushkov, Ramzi Yassa, Dudu Fischer, Fujiko Hemming, Alexander Markov, Tamás Vásáry, Zoltán Kocsis, Dezső Ránki, Miklós Perényi, Jenő Jandó e molti altri. L’orchestra ha effettuato tournèes in tutti i Paesi d’Europa e in Libano, Hong Kong, Giappone e Cina, in prestigiose sale da concerto il Musikvereinsaal a Vienna, il Konzertgebouw ad Amsterdam, la Suntory Hall di Tokyo e il Shanghai Oriental Art Center. Nel 1988 ha eseguito uno speciale concerto per Papa Giovanni Paolo II nella sua residenza estiva di Castelgandolfo. Mavso è l’unica orchestra ungherese ad aver partecipato al leggendario concerto dei Tre Tenori nel gennaio 1999 a Tokyo Dome davanti a 32.000 persone e ai membri della famiglia imperiale giapponese.

La prevendita dei biglietti è aperta al Teatro Comunale Giuseppe Verdi fino al 30 dicembre, dalle ore 14.30 alle 19.00. Il 31 dicembre la biglietteria sarà aperta dalle 15.00, tel. 0434-247624. Gli iscritti all’Ute di Pordenone, agli studenti fino ai 25 anni, gli adulti oltre i 65 anni e i portatori di handicap hanno diritto alla riduzione.

I festeggiamenti in piazza XX Settembre (a partire dalle 22, con ingresso libero) organizzati dal Comune di Pordenone per il Natale in Città saranno tutti a ritmo di rock, con un tocco vintage, coronati a mezzanotte dai fuochi d’artificio. Protagonista di eccellenza dall’alto di una prestigiosa carriera e ancora sulla cresta dell’onda sarà Bobby Solo accompagnato dalla sua band (Marco Quagliozzi alle tastiere, Giuseppe Cerrato al basso, Fiore di Nuzzo alla batteria, Cesare Zebro e Francesco Piscitelli alle chitarre), mentre il compito di introdurre la serata e di accontentare i più nottambuli è affidato a Zellaby, creativo versatile e multitasking, capace di far ballare anche i muri a suon di swing, jumping jive, rhythm & blues, ma soprattutto rock’n’roll e rockabilly. A condurre l’evento ci sarà un professionista di grande caratura come Andro Merkù (presentatore, imitatore, autore, giornalista e conduttore radio-televisivo) che regalerà alla serata momenti brillanti grazie anche alle sue rinomate doti di imitatore e cabarettista. Ad occuparsi del ristoro ci penserà la Pro Loco, e dopo il brindisi con le autorità sul palco la mezzanotte sarà festeggiata con i tradizionali fuochi d’artificio.

Si può ben dire che Bobby Solo appartenga alla categoria degli artisti senza tempo, la cui voce calda e pastosa, capace di passare da profondi bassi a limpidi falsetti, richiama molto da vicino quella del grande Elvis Presley, modello di riferimento sia per lo stile vocale che per il genere musicale. Durante il concerto non mancheranno infatti un paio di omaggi al “maestro”, anche se la parte del leone la faranno i suoi grandi successi di sempre: da “Una lacrima sul viso” (che segnò nel 1964 un grandissimo successo discografico e lanciandolo a livello internazionale), a “Se piangi, se ridi” (interpretata nel 1965 a Sanremo con con The New Christy Minstrels, mitico gruppo folk americano), per non citare ancora “Cristina”, “Zingara” (scritta dall’amico Gianni Morandi, con cui vinse Sanremo nel 1969 in coppia con Iva Zanicchi), “Gelosia”, “Non posso perderti” per arrivare al più recente “Non si cresce mai”, altro grande successo di critica e di pubblico (presentato a Sanremo con Little Tony). Tra i suoi ultimissimi lavori c’è anche un album di canzoni natalizie rivisitate in chiave jazz “Bobby Christmas”, e chissà se ne regalerà qualche brano anche alla platea pordenonese.

Perfetto è dunque l’abbinamento con Zellaby, artista pop pordenonese e dj dal gusto retrò, appassionato delle cultura “Rock’n’Roll”, dalla musica al ballo all’abbigliamento, alla grafica. Per il suo raffinato intrattenimento musicale prenderà a piene mani dalle big band di Glenn Miller e Benny Goodman, da Louis Prima, fino a Bill Haley, Little Richard, Chuck Berry e naturalmente il re Elvis Presley. E non mancheranno artisti contemporanei da Ray Gelato agli Stray Cats.

Andro Merkù presentata eventi di grande livello, ma è soprattutto nell’intrattenimento e nelle imitazioni che da il meglio di sé, conquistandosi partecipazioni importanti come alla Zanzara di Cruciani su Radio24, a In Onda di Telese su La 7 e su Rtl. Se in radio è attivo da più di 25 anni, al suo ricchissimo curriculum professionale non manca nemmeno l’attività attoriale per fiction. Ha lavorato, tra gli altri, con Teddy Reno, Rita Pavone, Gigi Sabani, Valeria Marini, Alessandro Bergonzoni, Kledi Kadiu, Anna Falchi, Andrea Pellizzari, Bruno Pizzul, Enrico Beruschi, Dario Vergassola.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!