Approda la barca metaforica

29 Aprile 2014

GRADISCA.Prende il via mercoledì 30 aprile la seconda fase della XV edizione di Ethnic Festival, la manifestazione promossa dall’associazione Nuovi Universi Etnici come evento collaterale al Trofeo Rocco e al Torneo delle Nazioni di calcio giovanile. Gli stand del villaggio etnico saranno aperti dalle 17 alle 24, con musica, animazione e cucine tipiche in ben 25 punti, distribuiti nella spianata di piazza Unità d’Italia. Il villaggio Latino all’interno del festival ospita dalle 19 la musica latino americana di Romy Splinter e l’animazione verdeoro del gruppo brasiliano Chiquinho Brasil Show.

Non solo sport, enogastronomia, conferenze e concerti, ma anche arte in questa XV edizione di Ethnic Festival. Il palazzo municipale di Gradisca ospiterà alle 18.30 l’inaugurazione del progetto artistico dell’artista ecuadoregno Manuel Carrión, dal titolo “La Barca di Venezia per Gradisca d’Isonzo”, ispirato all’opera del musicista e compositore Adriano Banchieri. La mostra intende ricreare le condizioni per un viaggio metaforico, il cui mezzo è dato da una barca culturale che parte da Venezia, attraversa Amburgo per arrivare a Gradisca d’Isonzo. La barca è rappresentata fisicamente da un dipinto, fulcro dell’esposizione, dello stesso Carrión.

L’opera d’arte vuole essere un potente mezzo di comunicazione tra realtà differenti: Venezia sede della galleria dell’artista, Amburgo città dove è ha già visto la luce un analogo progetto, e appunto Gradisca, che ospiterà a partire da mercoledì le opere, ideali ambasciatrici di un legame artistico – istituzionale. Per sigillare questo collegamento, nel corso della cerimonia d’inaugurazione verrà donata un’opera al Comune di Gradisca d’Isonzo, con lo stesso artista che consegnerà il dipinto nelle mani del sindaco della città gradiscana, Franco Tommasini.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!