Akròpolis: tolti tre spettacoli

12 Febbraio 2014

UDINE. L’azzeramento del contributo all’attività 2014, ai sensi della Finanziaria Regionale recentemente varata, costringe il Teatro Club Udine a delle inevitabili rinunce. Se per l’edizione di quest’anno il Palio Teatrale Studentesco è stato messo in sicurezza con una soluzione d’emergenza, favorita dai buoni uffici del Comune di Udine, della Fondazione Teatro Nuovo e della stessa Regione, non è così invece per la rassegna di teatro civile Akrópolis, giunta al 14.mo anno di attività, ma ora priva della necessaria copertura finanziaria, che certo non potrebbe essere compensata dalla vendita dei biglietti.

Il Direttivo del Teatro Club ha deciso dunque di confermare e salvare solo due dei cinque spettacoli in programmazione tra febbraio e aprile (“African Requiem”, 23 marzo; “Radio Argo”, 10 aprile), rinunciando alle altre tre proposte, ossia “Il metodo” (La Contrada), “La palestra” (Compagnia Veronica Cruciani) e “Il violino del Titanic” (Teatro dell’Argine), previsti rispettivamente il 5 febbraio,il 17 febbraio e il 5 aprile.

La cancellazione degli appuntamenti prefissati. oltre a procurare disagi agli spettatori già prenotati e a quelli interessati, depaupera l’offerta culturale udinese di proposte qualitativamente valide e amate, creando anche una ancor più grave incertezza sulla programmazione futura prevista per il prossimo autunno/inverno. Si sa che i disagi provocano anche conseguenze di disaffezione che si spera non tocchino la fedeltà del pubblico. 

Le scelte degli spettacoli ora annullati erano state pensate proprio in funzione dell’utenza giovanile e in considerazione dell’attualità dei temi affrontati dalle tre messinscene, che erano rispettivamente il mondo del lavoro, la relazione tra genitori e figli e l’odissea dei rifugiati, tra l’altro rievocata in scena da quaranta migranti reali nello spettacolo “Il violino del Titanic”. Più in dettaglio, risulta pesante la rinuncia allo spettacolo “Il metodo”, in ragione della presenza sul palcoscenico di quattro attori regionali, tra i quali l’udinese Riccardo Maranzana, che proprio dalla ribalta del Palio udinese ha mosso i primi passi teatrali. Da rimarcare, inoltre, che erano già corso contatti con la Civica Accademia Nico Pepe per l’effettuazione di un pomeriggio di lavoro con l’attrice Arianna Scommegna, in occasione del lavoro “La palestra”, di cui è interprete. 

Il Teatro Club auspica comunque che le tre proposte possano essere recuperate per l’edizione futura del suo progetto di teatro civile, per il quale parteciperà agli appositi Bandi regionali previsti nel mese di marzo. Nel frattempo si riserva di dare le opportune comunicazioni al proprio pubblico, già scusandosi in anticipo per il disagio arrecato agli spettatori.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!